Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 23 FEBBRAIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Vertenza Ferrovie, Speranza: “Siamo ormai al punto di rottura”

Vertenza Ferrovie, Speranza: “Siamo ormai al punto di rottura”

Continua il sindaco di Lamezia Terme, “Infatti se a tutto questo si aggiunge la recente soppressione dei treni a lunga percorrenza, la fragilità degli assi trasversali Paola-Sibari e Lamezia-Catanzaro, bloccato dal recente maltempo, un parco veicolare oramai fatiscente, si rende evidente che occorrono risposte ed interventi immediati”

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

Vertenza Ferrovie, Speranza: “Siamo ormai al punto di rottura”

Continua il sindaco di Lamezia Terme, “Infatti se a tutto questo si aggiunge la recente soppressione dei treni a lunga percorrenza, la fragilità degli assi trasversali Paola-Sibari e Lamezia-Catanzaro, bloccato dal recente maltempo, un parco veicolare oramai fatiscente, si rende evidente che occorrono risposte ed interventi immediati”

 

 

LAMEZIA TERME – “Le iniziative che in questi giorni si stanno moltiplicando in tutta la regione per aprire una vertenza con le Ferrovie e con il Ministero dei Trasporti segnalano che si è ormai arrivati al punto di rottura”. E’ quanto ha dichiarato il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza.

“Già nei mesi scorsi avevo scritto all’ex ministro Matteoli e al presidente della Regione proprio per ribadire la gravità della situazione dei trasporti pubblici nella regione, di cui ho parlato anche nell’ultima assemblea regionale dell’Anci.  In una regione con ben 409 comuni, la gran parte dei quali ubicati in collina e montagna e uno stato della viabilità e dell’offerta del trasporto pubblico da parte delle Ferrovie dello Stato assai problematica (per il protrarsi dei lavori sulla Sa-Rc, per il mancato ammodernamento della 106, per i ritardi nella realizzazione della trasversale delle Serre, per lo stato di abbandono in cui versa la linea ferroviaria ionica: solo per citare alcune delle principali criticità), il definitivo collasso delle Ferrovie in Calabria aggraverebbe ulteriormente la situazione”.

“Infatti se a tutto questo si aggiunge la recente soppressione dei treni a lunga percorrenza, la fragilità degli assi trasversali Paola-Sibari e Lamezia-Catanzaro, bloccato dal recente maltempo, un parco veicolare oramai fatiscente, si rende evidente che occorrono risposte ed interventi immediati. E’ per questo che condivido sia l’idea della petizione popolare sulla vertenza “Ferrovie in Calabria” proposta nei giorni scorsi dalla Sinistra Euromediterranea sia la mobilitazione proposta dalla Cgil nella recente assemblea di Reggio Calabria. Per quanto ci riguarda faremo tutto il possibile per far sentire la voce dei cittadini calabresi e per evitare che la nostra regione venga tagliata fuori, tornando all’800, per scelte miopi e sbagliate”.