Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Una donna di Stalettì, uccisa a coltellate, fermato un uomo di 36 anni Nella giornata contro la violenza sulle donne, la Calabria si macchia di un crimine efferato. La donna è stata abbandonata tra gli scogli

Una donna di Stalettì, uccisa a coltellate, fermato un uomo di 36 anni Nella giornata contro la violenza sulle donne, la Calabria si macchia di un crimine efferato. La donna è stata abbandonata tra gli scogli

Uccisa con diverse coltellate e il corpo abbandonato tra gli scogli in località Pietragrande, nel Catanzarese. Per l’efferato omicidio di Loredana Scalone, 52enne di Stalettì, è stato sottoposto a fermo del pm perché ritenuto l’autore un 36enne di Badolato che, secondo le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e della Secondo i primi accertamenti, è di natura passionale. I carabinieri di Soverato e del Comando Provinciale di Catanzaro hanno avviato le indagini, con la direzione della Procura della Repubblica di Catanzaro, finalizzate a scandagliare gli ultimi contatti avuti dalla donna in vita. La stessa, secondo la testimonianza dei familiari, era irreperibile dalle precedenti 24 ore.
L’uomo è accusato di omicidio, con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di una persona a lui legata da relazione affettiva, per motivi abbietti e con premeditazione, nonché per il reato di occultamento di cadavere, il 36enne sottoposto a fermo del pm con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio di una donna di 51 anni il cui cadavere è stato trovato a Stalettì.
Dall’esame esterno è emerso che la vittima è stata uccisa con numerose coltellate. Al termine di indagini volte ad accertare gli ultimi contatti avuti dalla donna in vita, gli investigatori dell’Arma di Soverato e del Comando provinciale di Catanzaro sono risaliti al 36enne del catanzarese che aveva una relazione sentimentale con la donna. L’uomo, originario di Badolato, dopo l’interrogatorio davanti al sostituto procuratore della Repubblica Anna Chiara Reale è stato sottoposto a fermo.