Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MERCOLEDì 19 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

“Turismo settore che continua ad avere numeri positivi” Lo afferma Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo

“Turismo settore che continua ad avere numeri positivi” Lo afferma Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Roma – “Il turismo è l’unico settore che continua ad avere numeri positivi: nel 2017 si prevede che i flussi incoming stranieri raggiungeranno circa 64,8 milioni, il 4,1% in più in confronto al 2016. Per i prossimi anni dobbiamo, dunque, governare la crescita attraverso un modello basato sulla sostenibilità che punti allo sviluppo economico e al benessere ambientale e sociale. Non dobbiamo costruire nulla di nuovo ma valorizzare e riqualificare l’esistente ripensandolo in chiave sostenibile”. Così Dorina Bianchi, sottosegretario al Turismo, che oggi ha concluso i lavori del convengo “Sostenibilità, turismo e beni culturali: la via italiana”.

“La sostenibilità – ha sottolineato il sottosegretario – ha un ruolo centrale nel Piano Strategico del Turismo, che dopo trenta anni abbiamo finalmente approvato, ed è fondamentale in un Paese come l’Italia dotata di un ricco patrimonio storico artistico culturale e paesaggistico. Il turismo sostenibile è durevole nel tempo con effetti sul medio lungo termine, dimensionato nel tempo e nello spazio perché favorisce la destagionalizzazione e la diversificazione dell’offerta, integrato con l’ambiente circostante perché favorire un’armonica distribuzione dei flussi turistici favorendo la decongestione delle mete super affollate”.

E ha aggiunto: “Abbiamo una capacità di accoglienza più ampia rispetto a quella che effettivamente viene utilizzata: questo potenziale ancora del tutto inespresso è alla base della diversificazione dell’offerta. Le dinamiche attese dello sviluppo turistico devono favorire la distribuzione di opportunità fra aree centrali e interne del Paese. Per ottenere i risultati è necessario un approccio più proattivo con il territorio e una maggiore cooperazione tra pubblico e privato”.