Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 18 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Tropea, Mancata assegnazione delle 5 vele di Legambiente a Tropea Con grande rammarico e profonda delusione, ASALT - Associazione Albergatori di Tropea desidera manifestare la propria indignazione riguardo la mancata assegnazione delle 5 Vele di Legambiente per l'anno in corso

Tropea, Mancata assegnazione delle 5 vele di Legambiente a Tropea Con grande rammarico e profonda delusione, ASALT - Associazione Albergatori di Tropea desidera manifestare la propria indignazione riguardo la mancata assegnazione delle 5 Vele di Legambiente per l'anno in corso

| Il 28, Giu 2024

Con grande rammarico e profonda delusione, ASALT – Associazione Albergatori di Tropea desidera manifestare la propria indignazione riguardo la mancata assegnazione delle 5 Vele di Legambiente per l’anno in corso. Questo riconoscimento, già conquistato lo scorso anno, non solo ha portato visibilità turistica alla nostra città ed alla Calabria ma ha anche avuto un impatto significativo sotto il profilo economico e sociale.
La metodologia di assegnazione delle 5 Vele di Legambiente si basa su due criteri principali: la qualità ambientale e la qualità dei servizi ricettivi. Tropea ha dimostrato in modo evidente di eccellere in entrambi i campi, mantenendo alti standard che ci hanno permesso di ottenere questo prestigioso riconoscimento in passato.
Tuttavia, in una recente dichiarazione, la referente regionale di Legambiente, Anna Parretta, ha indicato che la causa della mancata assegnazione di quest’anno sarebbe lo scioglimento del Consiglio comunale per presunte infiltrazioni mafiose. Questo motivo, a nostro avviso, risulta estraneo ai criteri ufficiali stabiliti dalla stessa Legambiente. Inoltre, va sottolineato che in passato tale provvedimento non è stato adottato nei confronti di altre comunità che si sono trovate nella medesima situazione.
Siamo fortemente rammaricati che un elemento esterno e non contemplato nella metodologia ufficiale abbia influito su una decisione che penalizza ingiustamente Tropea.
L’Associazione Albergatori di Tropea continuerà a lavorare con dedizione e impegno per garantire un’offerta turistica di eccellenza, nel rispetto dell’ambiente e con l’obiettivo di fornire servizi di altissima qualità ai nostri visitatori. Confidiamo che in futuro si possano valutare i meriti delle località turistiche sulla base di criteri oggettivi e trasparenti, escludendo elementi non pertinenti che rischiano di minare la credibilità di riconoscimenti così importanti.
Tropea merita di essere riconosciuta per ciò che realmente offre: un ambiente unico, servizi ricettivi eccellenti e un’accoglienza calorosa e professionale. Speriamo che Legambiente possa rivedere la propria decisione, considerando in modo equo e giusto tutte le comunità che lavorano duramente per il bene del turismo e dell’ambiente.