Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 14 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Traffico internazionale di cocaina. Ventidue arresti tra Liguria e Calabria, c’erano carichi dal Sudamerica per 25 milioni di euro L’operazione è una costola del blitz del 2015 che aveva coinvolto Giuseppe Bellocco, dell’omonima cosca di Rosarno

Traffico internazionale di cocaina. Ventidue arresti tra Liguria e Calabria, c’erano carichi dal Sudamerica per 25 milioni di euro L’operazione è una costola del blitz del 2015 che aveva coinvolto Giuseppe Bellocco, dell’omonima cosca di Rosarno

Ventidue persone in carcere, indagate per detenzione e traffico internazionale di cocaina e armi, anche da guerra. Questo il bilancio di una vasta operazione, denominata ‘Cook’, condotta dai carabinieri del Ros con il supporto dei militari dell’Arma genovese insieme ai colleghi di Como e Reggio Calabria. Sono state eseguite le misure cautelari in carcere emesse dal Gip del Tribunale di Genova e attualmente, dalle prime ore del mattino di mercoledì 3 aprile 2024, sono in corso perquisizioni e sequestri in Liguria e in Calabria. “L’attività è frutto della cooperazione giudiziaria e di polizia assicurata a livello europero da Eurojust ed Europol”, spiegano i carabinieri del Ros. Tra gli arrestati una persona di nazionalità dominicana, due di nazionalità colombiana e sette di nazionalità albanese.
Associazione a delinquere attiva dal 2014
Sei degli indagati arrestati sono accusati di essere componenti di un’associazione per delinquere, operativa dal 2014 a Genova, nonché a Panama, in Colombia e in Venezuela e finalizzata, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a importare dall’America Latina ingenti quantitativi di cocaina. La droga veniva caricata su navi dirette al porto di Genova e, una volta recuperata con l’illecita collaborazione di lavoratori del porto, rivenduta. Il gruppo si occupava anche di recuperare carichi di droga destinati ad altre organizzazioni criminali, incassando una percentuale intorno al 20% sul carico.
Gabriele Puleo gestiva le operazioni dal carcere
Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del Ros l’associazione era diretta da Gabriele Puleo, attraverso una vasta rete di contatti con organizzazioni di narcotrafficanti sudamericani. Anche dopo il suo arresto, avvenuto nel 2015 dopo il sequestro di un ingente quantitativo di cocaina (quasi 148 chilogrammmi) in concorso con il latitante Giuseppe Bellocco, Puleo comunicava con gli altri associati, tra i quali Marco Cuoco e Vincenzo Puleo, utilizzando da detenuto criptofonini o sistemi artigianali di comunicazione crittografata. In questo modo organizzava e finanziava l’importazione di nuovi carichi di droga provenienti dalla Colombia e dalla Repubblica Dominicana, e destinati all’Italia, tramite il porto di Genova, l’aeroporto di Parigi e l’aeroporto di Amsterdam. Il pagamento della sostanza stupefacente veniva effettuato attraverso un intermediario in Italia, indicato dai fornitori, attraverso canali extrabancari, con tanto di ricevuta agli acquirenti.
Nove carichi da 670 kg e 25 milioni di euro
Complessivamente agli indagati vengono contestati nove episodi di importazione di cocaina da Colombia, Repubblica Dominicana e Panama per un totale di 670 chilogrammi e un valore di circa 25 milioni di euro, ma anche 38 episodi di detenzione e cessione di droga (due dei quali con l’aggravante di cui all’articolo 416 bis.1 cp ed in particolare la finalità di agevolare l’attività della cosca di ‘ndrangheta Bellocco). Condotte compiute in autonomia sia da membri dell’organizzazione che da altri che, a loro volta, distribuivano droga di varia tipologia (cocaina, hashish e marijuana) alle proprie filiere di spaccio.
Le armi trovate
Viene inoltre contestata la detenzione di varie armi. Due pistole a tamburo Smith & Wesson modello 686 calibro 357 magnum con canna da 4”, una bomba a mano M75; una pistola mitragliatrice Zastava modello M56 calibro 7,62×25 mm (tokarev); due fucili d’assalto Zastava modello M70 calibro 7,62×39 mm, riproduzioni del più noto AK-47 (Kalašnikov), pistole semiautomatiche Beretta calibro 9, un revolver Smith & Wesson calibro 38SP, pistole Colt modello 1911 calibro 45, ACP e Beretta modello 70 calibro 7,65. I reati contestati sono stati commessi in un arco temporale che va da settembre 2014 a dicembre 2022. Su richiesta della Direzione distrettuale antimafia sono stati sequestrati beni riconducibili all’indagato Cuoco: quote nominali di una società, una polizza assicurativa, due veicoli, un conto corrente e un anello in oro bianco con diamante. Nel corso delle perquisizioni è stato sequestrato materiale documentale, dispositivi informatici, armi bianche e una pistola semiautomatica.
(da GenovaToday.it)