Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 01 MARZO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Strage Alcamo: il legale di Gullotta chiede un’audizione alla Commissione antimafia

Strage Alcamo: il legale di Gullotta chiede un’audizione alla Commissione antimafia

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

“La recente assoluzione pronunciata dalla Corte di Appello di Reggio Calabria nei confronti di Gulotta e l’ormai scontato esito positivo della revisione nei confronti di Gaetano Santangelo e Vincenzo Ferrantelli, se fa chiarezza sull’estranietà dei condannati, apre inquietanti scenari sui veri mandanti della strage”

Strage Alcamo: il legale di Gullotta chiede un’audizione alla Commissione antimafia

“La recente assoluzione pronunciata dalla Corte di Appello di Reggio Calabria nei confronti di Gulotta e l’ormai scontato esito positivo della revisione nei confronti di Gaetano Santangelo e Vincenzo Ferrantelli, se fa chiarezza sull’estranietà dei condannati, apre inquietanti scenari sui veri mandanti della strage”

 

 

(ANSA) – TRAPANI – L’avvocato Baldassare Lauria, uno dei difensori di Giuseppe Gulotta, condannato all’ergastolo per la strage nella casermetta di Alcamo Marina del 26 gennaio 1976 e riconosciuto innocente, lo scorso mese di febbraio, dalla Corte di Appello di Reggio Calabria chiede di essere ascoltato dalla commissione antimafia. Lauria è anche presidente dell’associazione “Progetto Innocenti”. “La recente assoluzione pronunciata dalla Corte di Appello di Reggio Calabria nei confronti di Gulotta e l’ormai scontato esito positivo della revisione nei confronti di Gaetano Santangelo e Vincenzo Ferrantelli (in corso presso la Corte di Appello dei minori di Catania, ndr), se fa chiarezza sull’estranietà dei condannati, apre inquietanti scenari sui veri mandanti della strage”, si legge in una nota dell’associazione. Nella richiesta di audizione si legge anche che “vi è inoltre un rapporto dell’ex questore di Trapani (Giuseppe Peri, ndr), rimasto inspiegabilmente fuori il processo di merito, che dà atto dell’inquinamento delle prove raccolte dai carabinieri, ma ciò è rimasto per decenni privo di considerazione”.

redazione@approdonews.it