Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 28 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Salute: sindrome gambe senza riposo colpisce 5% italiani

Salute: sindrome gambe senza riposo colpisce 5% italiani

Le donne con Sindrome delle gambe senza riposo (Rls) durante la gravidanza sembrano presentare un maggior rischio di soffrire della forma cronica di Rls più avanti nel tempo o nel corso di successive gravidanze

Salute: sindrome gambe senza riposo colpisce 5% italiani 

Le donne con Sindrome delle gambe senza riposo (Rls) durante la gravidanza sembrano presentare un maggior rischio di soffrire della forma cronica di Rls più avanti nel tempo o nel corso di successive gravidanze

 

Roma, 9 dic – Le donne con Sindrome delle gambe senza riposo (Rls) durante la gravidanza sembrano presentare un maggior rischio di soffrire della forma cronica di Rls piu’ avanti nel tempo o nel corso di successive gravidanze.La ricerca, coordinata da Mauro Manconi, ricercatore e neurologo presso il Centro di Medicina del Sonno dell’Ospedale San Raffaele Turro – Milano, e’ stata pubblicata sulla rivista Neurology. La Sindrome delle gambe senza riposo e’ un disturbo motorio del sonno che causa una sensazione spiacevole d’irrequietezza alle gambe. La condizione generalmente peggiora durante la notte e a riposo mentre e’ alleviata dal movimento. I sintomi tendono a peggiorare con l’eta’.Nel 2004 il nostro gruppo di ricerca aveva gia’ dimostrato che circa un quarto delle donne soffre di una forma transitoria di Rls durante la gravidanza, soprattutto durante il terzo trimestre, che svanisce dopo la nascita del bambino.Oggi viene pubblicato il primo studio a lungo termine per verificare cosa accade a distanza di tempo a quelle donne che hanno sofferto in gravidanza di Rls – spiega Mauro Manconi -.I nostri risultati mostrano che presentare la sindrome durante la gravidanza e’ un fattore di rischio significativo per lo sviluppo di una futura forma cronica di RLS o per il ripetersi della forma transitoria nelle eventuali successive gravidanze”.