Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 06 FEBBRAIO 2023

Torna su

Torna su

 
 

Presentato il libro del nuovo parroco, monsignor Giacomo D’Anna, “Preghiamo e camminiamo insieme” Ha scritto nella presentazione del libro, monsignor Fortunato Morrone, che “L’autore con un taglio pastorale passa in rassegna tutto l’anno liturgico, scansionando mensilmente il suo racconto con estrema praticità. Di ognuno dei tempi considera la storia, la celebrazione della teologia in base alla preghiera della Chiesa, la pietà popolare e le devozioni”

Presentato il libro del nuovo parroco, monsignor Giacomo D’Anna, “Preghiamo e camminiamo insieme” Ha scritto nella presentazione del libro, monsignor Fortunato Morrone, che “L’autore con un taglio pastorale passa in rassegna tutto l’anno liturgico, scansionando mensilmente il suo racconto con estrema praticità. Di ognuno dei tempi considera la storia, la celebrazione della teologia in base alla preghiera della Chiesa, la pietà popolare e le devozioni”

Giovedì 24 novembre, nella parrocchia di Santa Maria d’Itria a Reggio Calabria, di fronte ad un pubblico numeroso e attento, è stato presentato il libro del nuovo parroco, monsignor Giacomo D’Anna, “Preghiamo e camminiamo insieme”.
Il volume racconta il cammino di un anno pastorale che la comunità di San Paolo alla Rotonda ha riproposto per ben 27 anni consecutivi, quelli in cui l’autore è stato alla guida della parrocchia, a cominciare dal mese di settembre, mese in cui si riparte dopo la pausa estiva, scandendo via via, passo dopo passo, le varie tappe.
Ha scritto nella presentazione del libro, monsignor Fortunato Morrone, che “L’autore con un taglio pastorale passa in rassegna tutto l’anno liturgico, scansionando mensilmente il suo racconto con estrema praticità. Di ognuno dei tempi considera la storia, la celebrazione della teologia in base alla preghiera della Chiesa, la pietà popolare e le devozioni”.
“Di conseguenza – aggiunge l’arcivescovo di Reggio Calabria – Bova – il libro diventa occasione non tanto per fare memoria dell’itinerario svolto, quanto di sottolineare la necessaria centralità della vita comunitaria nel percorso di fede di ciascun membro del popolo di Dio”.
L’opera esalta la bellezza di una comunità parrocchiale che, attraverso l’anno liturgico e l’anno pastorale, mette in luce la realtà gioiosa di un gruppo di fratelli e sorelle che prega e cammina insieme seguendo le orme di Cristo, unico Maestro e Salvatore dell’umanità.
La presentazione è stata preceduta dalla Santa messa, celebrata da monsignor Pasqualino Catanese, vicario generale dell’Arcidiocesi Reggio-Bova, dall’autore del libro e da don Simone Gatto, nuovo parroco della parrocchia di San Paolo alla Rotonda.
Il compito di moderate i lavori dell’evento è toccato al responsabile della Commissione Socio-Politico-Culturale, Antonio Zavettieri, che ha organizzato la serata.
Il primo ad intervenire è stato monsignor Pasqualino Catanese, il quale ha voluto sottolineare il valore profondo della comunione tra sacerdoti e tra sacerdoti e popolo di Dio, manifestando compiacimento e gratitudine verso monsignor D’Anna, per aver scritto un libro che propone la condivisione come modello autentico di vita cristiana, da praticare attraverso la preghiera ed il servizio gratuito a beneficio dei fratelli e delle sorelle, soprattutto, quelli più bisognosi di beni materiali e di conforto spirituale, che sono rivestiti della luce del Signore e devono essere posti al centro di ogni comunità.
La parola è poi passata a don Simone Gatto, che ha spiegato come monsignor D’Anna sia riuscito, con “Preghiamo e camminiamo insieme”, che è la sua sesta fatica letteraria, a recuperare pezzi importanti di memoria individuale e collettiva di una comunità viva e operativa, com’è quella di San Paolo alla Rotonda, e farli diventare oggetto di condivisione e riflessione per tutti i cristiani. Il sacerdote, concludendo la sua relazione, ha rimarcato l’importanza di recuperare la memoria, perché è solo partendo dalla memoria del passato che diventa possibile progettare il futuro.
Interessante è stato anche l’intervento del diacono, don Santo Caserta, il quale si è concentrato su alcuni aspetti originali del libro e su alcuni particolari che lo rendono interessante anche per persone ai margini o fuori dalla Chiesa.
Monsignor Giacomo D’Anna, in conclusione, ha ringraziato i relatori, il pubblico presente e quanti hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento. Infine, ha esortato tutti a “pregare e camminare insieme, per essere una comunità, una famiglia, che si sforza di amare il Signore, ma anche di vivere la gioia di stare insieme, che è la forza di una dimensione che stiamo un po’ perdendo e che dobbiamo cercare di recuperare, perché la socialità è qualcosa che ci fa stare bene”.