Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), TUESDAY 27 OCTOBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Pianopoli, il 22 settembre il concerto di Roberto Vecchioni L'artista chiuderà i festeggiamenti patronali

Pianopoli, il 22 settembre il concerto di Roberto Vecchioni L'artista chiuderà i festeggiamenti patronali
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Toccherà a Roberto Vecchioni, quest’anno, salutare i festeggiamenti in onore della Ss Madonna Addolorata di Pianopoli. Come oramai di consueto, anche per questo settembre, l’Amministrazione comunale di Pianopoli, guidata dal sindaco Valentina Cuda, ha voluto chiudere l’estate e le iniziative per la festa patronale con un grande concerto a ingresso gratuito allo stadio comunale Catania, a cura della Esse Emme Musica. Così, nell’area che negli scorsi anni ha ospitato Fabrizio Moro, The Kolors, Giusy Ferreri, Amii Stewart, Eugenio Bennato, Renzo Arbore e l’Orchestra italiana, il 22 settembre con inizio alle ore 21.30, ci sarà Roberto Vecchioni per una tappa del tour promozionale de “L’infinito”, il suo nuovo album, uscito a distanza di cinque anni dal precedente lavoro discografico.

Il lavoro racchiude dodici brani inediti e il ritorno eccezionale sulla scena musicale di Francesco Guccini che, per la prima volta, duetta con Roberto Vecchioni nel singolo “Ti insegnerò a volare”, ispirato al grande Ale x Zanardi. «Questo brano – racconta Vecchioni – si specchia direttamente in quella che è stata chiamata la “canzone d’autore” e che non c’è, non esiste più dagli anni ’70. In realtà l’intero disco è immerso in quell’atmosfera perché là è nato e successo tutto. Là tutto è stato come doveva essere, cioè immaginato, scritto e cantato alla luce della cultura, semplice ed elementare oppure sottile e sofisticata, ma comunque cultura».

Un album manifesto, «non 12 brani, ma un’unica canzone divisa in 12 momenti», in una dimensione temporale verticale che rinvia al tema delle suggestioni letterarie: la necessità di trovare l’infinito al di qua della siepe, dentro noi stessi. L’album è il frutto della collaborazione di un team d’eccezione, con Lucio Fabbri per la produzione artistica a pianoforte, piano elettrico, organo Hammond, violino, viola, fisarmonica, basso elettrico e chitarra elettrica, Massimo Germini a chitarra classica e acustica, alla chitarra 12 corde, a mandolino, bouzouki, ukulele, liuto cantabile, Marco Mangelli al basso, Roberto Gualdi a batteria e percussioni.

Change privacy settings