Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 16 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Mirta Granda Averhoff, “Sotto attacco la missione nel mondo dei medici cubani” È incredibile la falsificazione che il mondo “occidentale” e con esso la sua espressione economica, il liberismo, fa dell’arrivo dei medici cubani negli #ospedali italiani ed in altri paesi del mondo

Mirta Granda Averhoff, “Sotto attacco la missione nel mondo dei medici cubani” È incredibile la falsificazione che il mondo “occidentale” e con esso la sua espressione economica, il liberismo, fa dell’arrivo dei medici cubani negli #ospedali italiani ed in altri paesi del mondo

È incredibile la falsificazione che il mondo “occidentale” e con esso la sua espressione economica, il liberismo, fa dell’arrivo dei medici cubani negli #ospedali italiani ed in altri paesi del mondo.
È notizia di oggi che la corte penale internazionale dell’Aja abbia aperto una indagine sull’impegno solidaristico dei medici cubani nel mondo (oltretutto stimatissimi), trasformando un’opera di aiuto civile e sociale, addirittura in un #crimine internazionale compreso tra i reati che riguardano la tratta degli esseri umani.
In poche parole per la corte penale i medici cubani sarebbero costretti a prestare il loro servizio in cambio di remunerazione bassa, se rapportata ai tabellari minimi vigenti nei rispettivi ordinamenti del lavoro dei paesi di assegnazione.
È sorprendente la doppia retorica inquisitoria fatta da L’Aja. La prima infatti sanziona un impegno solidale ed anche volontaristico di uno stato socialista come #Cuba che ha avuto la capacita di formare e istruire migliaia di medici, a differenza di molti stati capitalistici che hanno privatizzato il diritto all’assistenza sanitaria e l’accesso alle cure mediche, di fatto mercificandolo e subordinandolo al profitto. E poi la domanda sorge spontanea. Anche le #ONG che basano la loro missione sull’opera umanitaria di volontari, che fanno… tratta di volontari?
La seconda. Ma come? La #precarietà, la flessibilità del lavoro, il salario minimo, non sono forse retorica dell’economia capitalistica che nel tempo ha distrutto la cultura del lavoro e del salario garantito sostituendola con la #precarizzazione non solo degli stipendi, ma degli orari di lavoro ma anche dei tempi di vita?
Per fare un esempio i lavoratori dei #TIS, impegnati negli enti pubblici percepiscono al mese un sussidio tra 600 e 700 euro (prima era di 500), senza un’ora di contribuzione a fini previdenziali e la possibilità di godere della indennità di malattia.
Per non parlare di tutte le forme contrattuali flessibili che nel settore privato penalizzano lavoratrici e lavoratori, determinano gabbie salariali di fatto che lasciano gli stipendi bassissimi senza oltretutto agganciarli all’aumento del costo della vita.
Insomma la #corte penale internazionale di L’Aja si preoccupa dello stipendio dei medici cubani di 1200 euro impegnati a salvare (e menomale) quel che resta della #sanità pubblica calabrese dopo anni di #ruberie che di certo sono rimaste impunite nel silenzio colpevole di tutte le istituzioni statali e internazionali.
Ma per un medico cubano uno stipendio di 1200 euro nel proprio Paese vale molto di più che uno di 3000 in #Europa ed in Italia .
È un fatto intuitivo. Per tutti tranne che per la corte penale internazionale. Curiosità… L’Aja è la stessa corte che ha emesso un mandato di cattura contro #Putin, e non perché avrebbe aggredito un paese sovrano ma udite udite… perché avrebbe deportato i bambini ucraini in #Russia. Ma le onlus americane che li hanno portati per un periodo in Italia ed in altri paesi, li hanno invece salvati dalle bombe? (Stessa giustificazione data dalle autorità russe…)
Come si può notare dipende molto dai punti di vista.
Un fatto è certo. Se il Presidente Roberto Occhiuto non avesse ricorso a Cuba e Cuba non avesse risposto PRESENTE alla chiamata solidale i nostri ospedali sarebbero già collassati prima del tempo.
Come del resto è già implosa la giurisdizione della Corte Penale internazionale di L’Aja che – pensate un po’ – nasce da un trattato internazionale mai ratificato, ascoltate e tremate, non solo dai russi ma anche dagli illuminati e intraprendenti e onniscienti Stati Uniti di America.

Mirta Granda Averhoff
Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba Mostra meno