Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 18 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

MICHELE AFFIDATO REALIZZA LA “ROSA D’ORO”, PER SS. CROCEFISSO DI CUTRO L’opera è stata collocata ai piedi del Crocifisso, in occasione del settennale della festa

MICHELE AFFIDATO REALIZZA LA “ROSA D’ORO”, PER SS. CROCEFISSO DI CUTRO L’opera è stata collocata ai piedi del Crocifisso, in occasione del settennale della festa

MICHELE AFFIDATO REALIZZA LA “ROSA D’ORO” PER IL SS. CROCIFISSO DI CUTRO
L’opera è stata collocata ai piedi del Crocifisso, in occasione del settennale della festa.


Ricorre quest’anno il settennale del Santissimo Crocifisso di Cutro, l’opera lignea risalente al XVII secolo, scolpita da frate Umile Pintorno da Petralia e recentemente restaurata da Giuseppe Mantella. Quella di quest’anno sarà una festa importante e sicuramente ricca di significato, perché negli occhi di tutti è ancora viva la tragedia del naufragio di Steccato di Cutro. Dopo tutte le difficoltà vissute a causa della pandemia ed i recenti fatti legati al naufragio di migranti, i giorni di festività andranno a fortificare gli spiriti di un’intera comunità. Tanti sono i fedeli fuori regione, che come accade da sempre, sono ritornati nella propria terra per rendere omaggio e pregare di fronte al Crocifisso. Per questo importante evento, il maestro orafo Michele Affidato ha dato forma a 3 rose d’oro, poste ai piedi della sacra effige, che i fedeli hanno potuto ammirare sabato dopo la consueta “calata”, nella chiesa del SS Crocifisso alla presenza del parroco Don David Fiore, del sindaco di Cutro Dott. Antonio Ceraso e delle autorità civili e militari. Michele Affidato, cittadino onorario di Cutro, celebre anche per le tante opere di arte sacra che hanno contraddistinto e continuano sottolineare ancora oggi il suo percorso artistico, ha realizzato questa particolare opera formata da un’anfora in argento dove è stata inserita una composizione di 3 rose con fogliame realizzata interamente a mano in argento laminato in oro. Nell’iconografia cristiana, la rosa, per la sua bellezza e fragranza, viene adoperata per indicare il Paradiso. Ma questa, è anche simbolo di quella carità che può portare al martirio, divenendo metafora delle piaghe del Cristo dalle quali sgorga il Sangue per la redenzione dell’umanità. Per questo motivo la rosa viene usata per raffigurare anche oltre alla vita eterna, la primavera che, se vogliamo, è un piccolo assaggio terrestre della resurrezione celeste che ci attenderà alla fine della nostra esistenza. La rosa, dunque assume vari significati: passione e morte, gloria e resurrezione, in altre parole la vita eterna. L’entusiasmo dei tanti fedeli ha animato non solo la serata di sabato, ma da giorni Cutro, sta risplendono di una nuova luce frutto della fede che lega tutti all’immagine del Cristo. Lo dimostrano le tante iniziative intraprese in particolare quella dell’associazione “Donne Città di Cutro”, che ha proposto alla comunità di realizzare delle rose all’uncinetto. Un messaggio che la città di Cutro ha sposato appieno, riempendo con quasi 18 mila rose non solo la Chiesa Madre ma anche le 5 chiese. “Aver potuto realizzare queste opere, in un contesto così intenso, mi riempie sempre di orgoglio permettendomi anche di vivere momenti di fede – ha affermato Michele Affidato – osservando quanti fedeli rimangono ancora legati all’immagine del Cristo Crocifisso, mi regala quella consapevolezza che nonostante le diverse lacune e le tante mancanze nel nostro territorio, per ultimo l’immane morte di tanti migranti a Steccato di Cutro, nella nostra terra c’è tantissima gente che con ogni mezzo, continua a sfidare i muri, le discriminazioni, i trafficanti d’esseri umani e le mafie. La festa di quest’anno possa essere foriera di tante iniziative di promozione culturale, sociale e religiosa che la città di Cutro merita per la sua storia”.