Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 09 DICEMBRE 2021

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Insediamento giunta Cittanova, l’affondo di Fratelli d’Italia Dura nota della locale sezione: "Nuova spartizione di poltrone che non tiene conto delle reali esigenze della città"

Insediamento giunta Cittanova, l’affondo di Fratelli d’Italia Dura nota della locale sezione: "Nuova spartizione di poltrone che non tiene conto delle reali esigenze della città"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Riceviamo e pubblichiamo

Sono appena trascorsi 20 giorni dall’elezione per il rinnovo del Consiglio comunale che ha premiato la compagine uscente, che a suon di “Cittanova Cambia…per cambiare Cittanova” non solo hanno autocertificato il loro fallimento politico/amministrativo, ma hanno altresì “ingannato” gli ignari cittanovesi rifilandogli strumentalmente una lista composta, tra gli altri, da giovani promesse dalla bella presenza e dalle belle speranze. Per questi ultimi, addirittura, sono state organizzate “serate di gala” nelle quali, le giovani promesse, o “le sette bellezze”, hanno “sfilato”, pensando di poter occupare dei posti di primaria importanza sull’altare del governo cittadino anche perché accreditate dai loro “cavalieri” come futura classe dirigente pronta a sostituire il vecchio da gli stessi rappresentato. Giorno 12 giugno, il Sindaco ha varato la “nuova giunta”, anche se “zoppa”, come evidenziato da un loro ex supporter, e con qualche “congelamento” di troppo, frutto di interminabili trattative tra ben noti personaggi della politica cittadina che, sulla pelle dei cittanovesi, hanno portato a termine un ulteriore e intollerabile operazione spartitoria.

UNA NUOVA SPARTIZIONE DI POLTRONE CHE NON TIENE CONTO DELLE REALI ESIGENZE DELLA CITTA’
Ma l’aspetto, diventa ancora più inquietante, se pensiamo che gli assessori sono già stati designati senza sapere ancora che deleghe attribuire loro, come se le competenze fossero un dettaglio di poco conto.
L’insediamento della nuova giunta avvenuto, probabilmente, con la benedizione del “salvatore” anche se rammaricato, fino ad un certo punto, per non essere riuscito nella “risurrezione” di qualche politico di esperienza, capace, forse, di fare “ombra” alla mediocrità. Ma da buon “Ponzio Pilato”, una volta che si è avvalso del suo sostegno, se n’è lavato le mani ricordandosi, a questo punto, della ben nota parabola «…Non sono responsabile di questo “sangue”. Pensateci voi!». Ma, se è vero che gli assessori uscenti non hanno brillato per capacità amministrative è altrettanto vero che “i nuovi volti” a tutto fanno pensare fuorché ad una squadra in grado di risollevare la città, oramai, ridotta allo stremo, dagli stessi, e in preda ad una vera e propria “crisi d’identità” dovuta alla perdita di ogni speranza. L’amministrazione del “cambiamento”, ed un sindaco della “rinascita” e della minoranza, hanno continuato a prendere per i fondelli l’intera cittadina in campagna elettorale, come già fatto in passato, e oggi, continuano a farlo, non mostrando un minimo di coerenza e rispetto a quanto promesso. Con il valore primario della competenza andato a farsi benedire.

CITTADINI: SONO QUESTE LE PERSONE CHE REALMENTE DOVREBBERO SALVARE CITTANOVA DAL BARATRO IN CUI NELL’ULTIMO QUINQUENNIO IL SINDACO COSENTINO L’HA FATTA SPROFONDARE?

E’ chiaro, nulla da eccepire, si tratta di persone perbene, quelle rappresentate in Giunta, come anche il Sindaco del resto, ma con un unico particolare difetto, sono accumunati, probabilmente, più dall’amore per le gratificazioni personali che da quello per la città. A guardarli appaiono come una maggioranza già dilaniata dalle divisioni e dalle tensioni interne, dalle prospettive incerte e, a nostro avviso, incapaci di amministrare se non per interventi di bassa ordinarietà e di facciata magari con iniziative di corto respiro che, in una situazione economica-finanziaria così preoccupante, servono a poco.

IL VUOTO AL POSTO DELLA PASSIONE E DELLA COMPETENZA

E’ se nella loro prima consiliatura, alcuni osservatori hanno detto del loro “programma di governo” che si trattava di un “DOCUMENTO DEI SOGNI”, nella prima seduta consiliare dello scorso mercoledì È STATA TOLTA AI CITTANOVESI ANCHE LA POSSIBILITA’ DI SOGNARE!

CITTADINI

AFFINCHE’ LA NOSTRA CITTANOVA POSSA CAMBIARE DECISAMENTE ROTTA, NON BASTA NE’ RINCORRERE UN NARCISISMO DA “FALO’ DELLE VANITA’” NE’ TANTO MENO FILOSOFARE SU UN NUOVO METODO DI GOVERNO CHE NON C’E’ E NON CI SARA’.

Il Circolo di Fratelli d’Italia, vigilerà con impegno costante affinché a Cittanova non si ripetano gli errori commessi nel passato e con tenace presenza denuncerà ogni scelta errata senza fare sconti a nessuno, facendo proposte e proponendo soluzioni quando è il caso

FRATELLI D’ITALIA CITTANOVA
Circolo “PINO RAUTI”