Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 09 AGOSTO 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Il circolo Udc di Rosarno bacchetta la sezione locale del Pd Critiche per le dichiarazioni rilasciate da Stefania Mancuso che mettevano in dubbio la regolarità della vittoria di Oliverio alle primarie

Il circolo Udc di Rosarno bacchetta la sezione locale del Pd Critiche per le dichiarazioni rilasciate da Stefania Mancuso che mettevano in dubbio la regolarità della vittoria di Oliverio alle primarie
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Con stupore ci vediamo costretti ad intervenire in un dibattito che consideriamo distante da noi sul piano politico, ma che tanta inquietudine ha creato nell’opinione pubblica.
Non può che destare preoccupazione la recente dichiarazione rilasciata alla stampa locale da parte della segretaria del circolo PD di Rosarno, Stefania Mancuso, la stessa non ha esitato a considerare “clientelare” il metodo di raccolta del consenso che ha permesso al comitato Pro Oliverio, di cui fanno parte, tra gli altri, l’Assessore Teodoro De Maria, il Presidente del Consiglio Comunale Antonio Bottiglieri ed il Capogruppo Rocco Pronestì, di ottenere più di 530 preferenze, a discapito del catastrofico risultato ottenuto dai sostenitori del giovane candidato Renziano supportato dal Sindaco, Vice Sindaco, due Assessori, sette Consiglieri comunali (su 11!!!) e dalla totalità del direttivo PD.
Capiamo, per dirla in gergo calcistico, l’evidente “fallo di frustrazione” da parte di chi non è più in grado di ottenere consensi ormai da troppo tempo, ma viste le accuse così esplicite ci saremmo aspettati dei chiarimenti e/o smentite dai destinatari delle stesse, così da tranquillizzare i cittadini.
Abbiamo atteso invano che ciò avvenisse.
Certamente le dichiarazioni della Segretaria Mancuso non possono non avere conseguenze dal punto di vista politico.
Infatti, delle due l’una: o il Sindaco smentisce le gravi affermazioni della propria Segretaria, che attribuiscono in particolare al rappresentante del bosco fatti che possono avere risvolti penali, in quanto, il sistema clientelare quando non è penalmente rilevante è sicuramente moralmente riprovevole; oppure il Primo cittadino deve procedere alla revoca dell’Assessore De Maria per ripristinare quel senso di legalità di cui si ritiene integerrima detentrice.

Attendiamo (poco) fiduciosi che il Sindaco abbia il senso civico (tanto sbandierato in giro per l’Italia), di chiarire questa ennesima ed incresciosa vicenda, oltre ad augurarci che questa “primavera” trasformata in “incubo” possa terminare il prima possibile.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings