Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Il caciocavallo di Ciminà nuovo presidio Sloow food

Il caciocavallo di Ciminà nuovo presidio Sloow food

| Il 19, Set 2011

Il riconoscimento in occasione dell’ottava edizione di Cheese, evento internazionale incentrato sulla valorizzazione delle forme del latte, tenutosi a Bra (Cuneo)

Il caciocavallo di Ciminà nuovo presidio Sloow food

Il riconoscimento in occasione dell’ottava edizione di Cheese, evento internazionale incentrato sulla valorizzazione delle forme del latte, tenutosi a Bra (Cuneo)

(ANSA) CIMINA’ (REGGIO CALABRIA) – E’ compresa nell’area dell’entroterra ionico della locride, a ridosso del Parco dell’Aspromonte, l’area d’elezione del caciocavallo di Ciminà, il nuovo presidio sloow food della provincia di Reggio Calabria. A Bra (Cuneo), in occasione dell’ottava edizione di Cheese, evento internazionale incentrato sulla valorizzazione delle forme del latte, è stato presentato il nuovo giacimento gastronomico che si aggiunge a quello del capicollo Azze Anca, un ennesimo risultato delle attività della Condotta Reggio Area Grecanica e dell’amministrazione comunale di Ciminà che si è impegnata in questi anni per la valorizzazione del prodotto. Il caciocavallo di Ciminà, che in passato ha anche ottenuto la De.Co. (denominazione comunale) è un formaggio a pasta filata ottenuto da latte di bovine di razza podolica (90-95%) tipica delle zone pedemontane dell’Aspromonte e latte caprino (restante 5-10%). La forma è quella classica del caciocavallo a sfera, che può andare da 1 a 2-3 chilogrammi di peso. Il sapore é deciso, con qualche richiamo di latte caprino, molto sapido e con una piccantezza che aumenta con la stagionatura. “Abbiamo raggiunto – ha spiegato Enzo Milasi della condotta reggina intervenendo a Bra – un traguardo molto atteso. Un traguardo importante e lusinghiero per il comitato di Condotta, per i soci, per i produttori del caciocavallo e, soprattutto, per la Calabria. Nel movimento Internazionale Slow Food, abbiamo visto, inoltre, un ottimo alleato per accendere un faro sulla nostra tanto amata quanto difficile terra; faro che potesse consentirci di illuminare quegli aspetti che spesso, troppo spesso, sono rimasti sconosciuti o sottovalutati”. Il presidio, che riunisce una dozzina di produttori della locride che allevano sui pascoli della zona, ha preso corpo proprio in occasione di uno dei momenti conviviali della Condotta. “In questa circostanza – ha aggiunto Milasi – i soci hanno conosciuto ed apprezzato di alcuni allevatori e produttori del posto; persone ed imprenditori che praticano un modello di agricoltura basato sulla qualità, sul rispetto delle stagioni e sul benessere animale. Sono questi gli autentici ‘Intellettuali della terra’ che ogni giorno lottano per la salvaguardia dei prodotti buoni, puliti e giusti, dei prodotti radicati nella cultura del nostro territorio e che costituiscono una produzione alimentare sostenibile.Dalla visita nelle aziende e dal costruttivo confronto con i produttori e con gli allevatori, ma anche con i referenti del territorio, gli associati hanno conosciuto il caciocavallo di Ciminà. E proprio grazie alla caparbietà del sindaco Domenico Polifroni e alla passione per le nostre tradizioni, che si è riusciti a raggiungere il riconoscimento del caciocavallo di Ciminà come presidio Slow Food”.

redazione@approdonews.it