Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 26 MAGGIO 2024

ELEZIONI CITTANOVA 2024, OGGI ORE 19,30 IN DIRETTA DOMENICO ANTICO. Siamo Live. Seguici dalle ore 19,30
Torna su

Torna su

 
 

Attesa per giovedì la sentenza a carico dell’ex Gip di Palmi Giancarlo Giusti

Attesa per giovedì la sentenza a carico dell’ex Gip di Palmi Giancarlo Giusti

Arrestato lo scorso marzo per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa in uno dei ‘filoni’ dell’inchiesta sulla cosca dei Valle-Lampada

Attesa per giovedì la sentenza a carico dell’ex Gip di Palmi Giancarlo Giusti

Arrestato lo scorso marzo per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa in uno dei ‘filoni’ dell’inchiesta sulla cosca dei Valle-Lampada

 

 

(ANSA) – MILANO – E’ prevista per giovedì prossimo, 27 settembre, la sentenza nel processo milanese, con rito abbreviato, a carico, tra gli altri, di Giancarlo Giusti, l’ex gip del Tribunale di Palmi, arrestato lo scorso marzo per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa in uno dei ‘filoni’ dell’inchiesta sulla cosca dei Valle-Lampada. La Dda di Milano nella scorsa udienza aveva chiesto per il magistrato, sospeso dal Csm dopo l’arresto, una condanna a 4 anni di reclusione. I pm milanesi, davanti al gup Alessandra Simion, avevano chiesto anche la condanna a 4 anni e 6 mesi per l’avvocato Vincenzo Minasi che, secondo l’accusa, era uno dei rappresentanti della cosiddetta ‘zona grigia’ della ‘ndrangheta. Stando alle indagini, Giusti – 45 anni, dal 2001 giudice delle esecuzioni immobiliari a Reggio Calabria e dal 2010 gip a Palmi – sarebbe stato a ‘libro pagà della ‘ndrangheta. La mafia calabrese dei Lampada, secondo l’accusa, oltre ad offrirgli “affari”, avrebbe appagato quella che nell’ordinanza di custodia cautelare del gip Gennari era stata definita una vera e propria “ossessione per il sesso”, facendogli trovare “prostitute” in alberghi di lusso milanesi, con le spese di soggiorno e di viaggio comprese nel prezzo della corruzione. Anche il direttore dell’hotel milanese ‘Brun’ (frequentato da Giusti), accusato di favoreggiamento personale, era stato arrestato e per lui i pm hanno chiesto 1 anno e 6 mesi, mentre per Domenico Gattuso, ritenuto un ‘fiancheggiatore’ della cosca, sono stati chiesti 6 anni di carcere. Oggi sono intervenute le difese, mentre per giovedì è prevista la sentenza.