Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 25 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Agricoltura, Vecchioni: Mipaaf? Se così, meglio darlo in appalto

Agricoltura, Vecchioni: Mipaaf? Se così, meglio darlo in appalto

“Il Ministero delle Politiche agricole? Per continuare a tenerlo così com’è meglio darlo in appalto, accorparlo al dicastero delle Attività produttive accontentandosi di un sottosegretario con delega all’agricoltura”. A lanciare la provocazione è Federico Vecchioni, presidente di Confagricoltura, poco prima di confrontarsi sotto i riflettori di “Cortinaincontra” con il ministro Giancarlo Galan.

Agricoltura, Vecchioni: Mipaaf? Se così, meglio darlo in appalto

“Il Ministero delle Politiche agricole? Per continuare a tenerlo così com’è meglio darlo in appalto, accorparlo al dicastero delle Attività produttive accontentandosi di un sottosegretario con delega all’agricoltura”. A lanciare la provocazione è Federico Vecchioni, presidente di Confagricoltura, poco prima di confrontarsi sotto i riflettori di “Cortinaincontra” con il ministro Giancarlo Galan.

 

“Il Ministero delle Politiche agricole? Per continuare a tenerlo così com’è meglio darlo in appalto, accorparlo al dicastero delle Attività produttive accontentandosi di un sottosegretario con delega all’agricoltura”. A lanciare la provocazione è Federico Vecchioni, presidente di Confagricoltura, poco prima di confrontarsi sotto i riflettori di “Cortinaincontra” con il ministro Giancarlo Galan. “Quello delle Politiche agricole – spiega Vecchioni – è ormai di fatto un Ministero senza portafoglio. Non ha a disposizione le risorse necessarie per prevedere misure finanziariamente adeguate all’importanza del settore. Su 1,5 miliardi di stanziamenti complessivi per il Mipaaf, infatti, quasi 500 milioni sono destinati al costo del personale, la maggior parte per il Corpo Forestale, e altri 490 sono destinati ad altre amministrazioni pubbliche tra cui gli Enti di ricerca, gli Enti produttori di Servizi e le Regioni”. “Insomma – aggiunge -, resta ben poco da gestire dopo aver pagato per il funzionamento della ‘macchina’ (poco più di 100 milioni di euro nel 2009, destinati a dimezzarsi entro il 2011). E non stupisce quindi che non si sia riusciti a garantire nella manovra economica convertita in legge a fine luglio, quelle risposte che il settore attendeva, dalla fiscalizzazione previdenziale al gasolio agevolato per le serre, e che tutte assieme non arrivano all’ammontare delle sole spese di personale per il Corpo Forestale dello Stato”.


“Va poi risolta definitivamente – continua Vecchioni – la questione delle politiche dell’alimentazione che ancora oggi una legge del 1958, per gli aspetti ‘che riguardano i generi alimentari trasformati industrialmente‘, prevede che vengono esercitate congiuntamente dai dicasteri di Politiche agricole e Sviluppo economico. E va garantita al Ministero delle Politiche agricole una dotazione finanziaria adeguata agli obiettivi ambiziosi che il Paese attribuisce all’agribusiness. “Bisogna recuperare fondi per l’agricoltura attraverso maggiori margini di manovra del nostro ministero – dice Vecchioni – riaffermandone anche la sua funzione di coordinamento della politica agricola nazionale che è prevista per legge, ma nei fatti non c’è. E occorre farlo con atti concreti che sanciscano l’autorevolezza dell’istituzione. In modo da pesare adeguatamente sui tavoli in cui si disegna il bilancio dello Stato”.