Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 22 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

ADDIO TRADIZIONE, TWININGS

ADDIO TRADIZIONE, TWININGS

| Il 06, Set 2010

Fine di un’era: da quando nel 1706 Thomas Twining aprì la prima ‘tea room’ al numero 216 dello Strand di Londra, Twinings è un nome intrinsecamente legato alla tradizione britannica dell’ora del tè.

ADDIO TRADIZIONE, TWININGS LASCIA LONDRA: VA IN POLONIA

Fine di un’era: da quando nel 1706 Thomas Twining aprì la prima ‘tea room’ al numero 216 dello Strand di Londra, Twinings è un nome intrinsecamente legato alla tradizione britannica dell’ora del tè.

Fine di un’era: da quando nel 1706 Thomas Twining aprì la prima ‘tea room’ al numero 216 dello Strand di Londra, Twinings è un nome intrinsecamente legato alla tradizione britannica dell’ora del tè. Ma non è più così. Vittima della concorrenza globale, la società proprietà di Associated British Food, ha annunciato il trasferimento della maggior parte della produzione in Polonia e in Cina. Circa 400 posti di lavoro, la metà circa dei dipendenti britannici Twinings, rischiano di essere mandati a casa: tra questi i 263 operai licenziati della fabbrica di Tyneside alle cui preoccupazioni economiche si è aggiunto un vero e proprio affronto da parte dei dirigenti: a partire dalla prossima settimana lavoratori polacchi arriveranno nell’impianto di North Shields, dove viene prodotto il leggendario tè in bustine, per essere addestrati. Un annuncio che ha provocato profonda indignazione tra le maestranze: «Non solo ci levano il posto. Adesso gli dobbiamo insegnare. Qui sono tutti molto arrabbiati. C’è molta animosità verso i nuovi venuti». Altri 129 posti di lavoro potrebbero venir cancellati nello stabilimento di Andover nello Hampshire dove la società conta di investire in nuovi macchinari ad alta velocità per servire il mercato interno britannico. Nel contempo la fabbrica esistente in Cina verrà raddoppiata e un nuovo impianto verrà costruito in Polonia: le loro bustine finiranno sugli scaffali dei negozi dell’Europa Continentale.