Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MERCOLEDì 24 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Ad Amato di… Taurianova, abbiamo chiesto (alle Ferrovie della Calabria) e ci è stato dato: rimosse le erbacce dalla line ferrata! Avevamo segnalato un problema che rendeva indecoroso un paesaggio, una vera e propria "foresta" sui binari, anche a ridosso delle abitazioni e stamattina il problema è stato risolto dagli operai che da stamattina stanno lavorando operosamente per pulire la linea ferrata

Ad Amato di… Taurianova, abbiamo chiesto (alle Ferrovie della Calabria) e ci è stato dato: rimosse le erbacce dalla line ferrata! Avevamo segnalato un problema che rendeva indecoroso un paesaggio, una vera e propria "foresta" sui binari, anche a ridosso delle abitazioni e stamattina il problema è stato risolto dagli operai che da stamattina stanno lavorando operosamente per pulire la linea ferrata

Di GiLar

Tutto è bene quel che finisce bene, e l’ultimo chiuda la porta come diceva un personaggio dei fumetti degli anni ’70, ovvero il detective Nick Carter e dei suoi aiutanti Patsy e Ten. Tre protagonisti come il numero degli esponenti istituzionali di Amato di… Taurianova (e che nessuno si offenda), ma stavolta il cattivo non c’è, Stanislao Moulinsky non pervenuto, anzi tutt’altro, la “buona” efficienza è stata protagonista di questa nostra “denuncia” fatta il 24 luglio scorso in merito ad una situazione, definita da noi, “indecorosa” in merito a delle erbacce di importanti dimensioni sulla linea ferroviaria delle Ferrovie della Calabria (ex Calabro Lucane), nel tratto di Amato… di Taurianova (e che nessuno si offenda).
Stamattina, chi scrive, ha ricevuto una telefonata della presenza degli operai inviati dalle Ferrovie della Calabria muniti di mezzi adeguati a pulire il tratto ferroviario, in quanto di loro competenza. E siamo rimasti efficientemente sbalorditi da questa celerità nei modi, tant’è che la prima cosa che è venuto in mente è stato il miracolo del 5 agosto quando ci fu la nevicata sulla capitale, ma in questo caso l’arrivo degli operai. Ottimo e li ringraziamo vivamente, così come il ringraziamento da parte degli abitanti di quelle case a ridosso della ferrovia che combattevano da tempo con sporcizie e turisti roditori in vacanza premio nelle aree verdi nella frazione (e che nessuno si offenda) della “Città d’Arte” di Taurianova. Anzi, ci scusiamo personalmente con alcuni topi che sono saltati fuori mentre venivano tagliate le erbacce, nella speranza che accettino le nostre scuse…
Ringraziamo le Ferrovie della Calabria, gli operai che in questo caldo agosto hanno reso presentabile un tratto ferroviario che giaceva in condizione indegne dal punto di vista del decoro e dell’igiene pubblica, la loro efficienza è stata ben accolta anche da alcuni abitanti della frazione che abitano a ridosso della linea ferrata. Ma occorre doverosamente menzionare la figura dell’uomo che sta ovunque, in ogni occasione c’è lui pronto a dare manforte alle problematiche manutentive di una città seppur non era competenza del Comune, ma delle Ferrovie della Calabria, e inoltre non è un rappresentante istituzionale di Amato… di Taurianova (e che nessuno si offenda), ma di Taurianova “Città d’Arte”, centro (e stavolta se qualcuno si offende non importa). Stiamo parlando del vicesindaco Antonino Caridi (Amministrazione del sindaco Roy Biasi), detto “Nino” che dopo pochi istanti della pubblicazione del pezzo aveva già contattato le Ferrovie della Calabria e si era messo in contatto per la risolvere la questione, dandoci notizia nell’immediato e così è stato fino ad oggi con sagace insistenza e senso del dovere, quello che una figura istituzionale dovrebbe avere.
Noi con cortesia e irriverente umiltà, pur non essendo della frazione (e che nessuno si offenda), osservavamo percorrendo quel tratto stradale, noi che non abitiamo ad Amato di… Taurianova (e che nessuno si offenda), ci siamo un pochino (tanto) indignati e non siamo rimasti indifferenti perché l’indifferenza è diabolica, non produce e non fa onore, ponendo in essere la questione come senso civico, un dovere di servizio.
Ma quello che importa è che abbiamo chiesto ponendo il problema e facendoci portavoce di alcune istanze verbali dei cittadini e che tutto finalmente si è risolto con celerità ed efficiente serietà.
I cittadini di Amato di… Taurianova (e che nessuno si offenda), ringrazia e noi con loro!

NB. A seguito di un post social del vincesindaco Caridi, occorre precisare che, leggendo bene l’articolo si evince che nessuno ha mai scritto che gli assessori di Amato si sono disinteressati al problema. E comunque, l’importante che il problema è stato risolto positivamente, questa era la priorità del mio articolo. (GL)