Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 01 MARZO 2024

Torna su

Torna su

 
 

VA AD UN LOCALE VIBONESE L’UNICO PREMIO CARTA DEI VINI – BISTROT DEL SUD ITALIA

VA AD UN LOCALE VIBONESE L’UNICO PREMIO CARTA DEI VINI – BISTROT DEL SUD ITALIA

VA AD UN LOCALE VIBONESE L’UNICO PREMIO CARTA DEI VINI – BISTROT DEL SUD ITALIA

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

L’imprenditore Alessandro Aversano, Presidente Confcommercio Fipe Vibo, ed il suo Fabbrica Enoteca Ristorante di Vibo Valentia hanno ottenuto nell’ambito della terza edizione del “Milano Wine Week Awards” il prestigioso riconoscimento “Premio Carta Vini”, sezione Bistrot. Si tratta dell’unico locale del Sud Italia riuscito ad aggiudicarsi il titolo nell’ambito della settimana milanese del vino, la prestigiosa kermesse vinicola che ogni anno premia gli operatori del settore ristorazione e quelli del dettaglio qualificato, oltre che i ristoranti stranieri che selezionino nella loro offerta i migliori vini italiani.
Passione, cura per i prodotti e attenzione alla varietà territoriale, ma anche per i trend emergenti, le direttrici per la selezione dei vincitori della rassegna che ogni anno attira imprenditori e appassionati in un reciproco scambio e confronto all’insegna della valorizzazione di chi diffonde la cultura vinicola e promuove il nostro patrimonio enologico.
Il risultato ottenuto – spiega Aversano – “fa seguito a un lavoro di ricerca attenta e costante.
Fabbrica è dedita fin dal 2016, anno di inaugurazione, alla ricerca dell’eccellenza enologica che riporta in un suo spazio intimo e coinvolgente, luogo di condivisione e di passione per il gusto”.
Lieto del riconoscimento il presidente di Confcommercio Vibo Valentia Salvatore Nusdeo: “Apprendiamo con estrema soddisfazione che sia stato un nostro associato a conquistare il titolo. Si tratta di un riconoscimento anche per il nostro territorio che dimostra quanto passione, impegno e spirito imprenditoriale possano fare anche in contesti difficili”.