Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 28 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Un “miracolo” in Calabria, bambino di 5 anni precipita da un balcone a dieci metri di altezza ed è salvo Il piccolo ha riportato alcune fratture agli arti, ma resta sotto osservazione in Ospedale in prognosi riservata, ma è fuori pericolo di vita

Un “miracolo” in Calabria, bambino di 5 anni precipita da un balcone a dieci metri di altezza ed è salvo Il piccolo ha riportato alcune fratture agli arti, ma resta sotto osservazione in Ospedale in prognosi riservata, ma è fuori pericolo di vita

Di GiLar

Un vero e proprio miracolo quello accaduto in Calabria venerdì scorso, nel centro di Amendolara nel Cosentino. Un bambino di 5 anni venerdì scorso è precipitato da un’altezza di circa dieci metri, stava sul balcone al terzo piano di una palazzina sita in Via Roma.
E, nonostante il volo di un’altezza significante, il piccolo dopo che si è schiantato a terra, è rimasto fortunatamente vivo. Il bambino vive insieme alla sua famiglia di origini bulgare.
Attimi di disperazione generale, ma soprattutto della mamma al cui controllo e sguardo sembra aver sfuggito, scattato l’allarme, sembra prima da un dipendente comunale che si trovava nei paraggi per motivi di lavoro, e che ha lasciato ogni cosa per prestare soccorso e insieme a lui tante altre persone. Intervenute sul posto le squadre di soccorso del 118 per prestare le prime cure e mettere in salvo il piccolo, oltre ad essere stato necessario l’intervento dell’elisoccorso del Suem di Cosenza e poi trasportato all’Ospedale “Annunziata”. Sul posto si sono recati anche le forze dell’ordine.
Il piccolo è sotto osservazione da parte dei medici e non si conoscono di preciso ancora le dinamiche dell’incidente, ma sembra che il piccolo abbia riportato una ferita alla caviglia e non c’è nessun trauma cranico, ma la prognosi è riservata e rimane in stretta osservazione da parte dei medici del Nosocomio.
Una tragedia che poteva avere conseguenze ben più peggiori e che, quando accadono questi fatti molto tristi, ci si spinge a gridare davvero al miracolo per quanto è accaduto in quel centro del Cosentino, al piccolo di soli 5 anni.