Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 28 NOVEMBRE 2021

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Trasporti, Calabria letteralmente in ginocchio Messina (Idv): "Disagi inaccettabili. Intervenga il Governo"

Trasporti, Calabria letteralmente in ginocchio Messina (Idv): "Disagi inaccettabili. Intervenga il Governo"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“La Calabria è letteralmente in ginocchio: chiediamo al ministro dei
Trasporti Delrio di varare ad horas un piano strategico straordinario per
agevolare gli spostamenti da e per la regione e garantire il pieno diritto
alla mobilità. I disagi ai quali i calabresi, e chi deve recarsi in questa
regione, sono attualmente sottoposti hanno raggiunto livelli inaccettabili
per un paese civile”. Lo dice in una nota il segretario nazionale
dell’Italia dei Valori Ignazio Messina, che sul tema ha annunciato la
presentazione di un’interrogazione parlamentare di Idv al ministro
competente “per conoscere quali strategie il governo intenda mettere in
campo per garantire il diritto alla mobilità extraregionale di centinaia di
migliaia di persone che vivono e lavorano in una regione, la Calabria, già
tagliata fuori dalle linee ferroviarie dell’alta velocità, con una rete
infrastrutturale fatiscente e ora letteralmente spaccata in due
dall’interruzione dell’autostrada A3 a causa del crollo di un viadotto”.

Nell’interrogazione parlamentare l’Italia dei Valori ha altresì chiesto al
ministro “di intervenire sugli operatori aerei, in particolare Alitalia,
affinchè possano offrire tariffe scontate sui voli da e per la Calabria,
per merci e per persone, quantomeno nel periodo necessario ai lavori per il
ripristino del viadotto autostradale, a parziale attenuazione dei disagi e
dei danni subiti dagli utenti e dal tessuto economico regionale, già
piegato dalla crisi economica che nel Mezzogiorno è ancora fortissima”.

Nell’atto si chiede, inoltre, al ministro “di vigilare in modo rigoroso
affinché i tempi di ripristino dell’infrastruttura autostradale da parte
dell’Anas siano pienamente rispettati, prevedendo sanzioni salate per ogni
giorno di ritardo nella consegna dell’opera”.