Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 29 SETTEMBRE 2022

Torna su

Torna su

 
 

Taurianova, sparato per 21 euro

Taurianova, sparato per 21 euro

Alla base del tentato omicidio del 27enne Antonio Battaglia, ci sarebbe un debito di pochi euro. Il minorenne arrestato si sarebbe giustificato dicendo di aver bevuto troppo

 

Barista sparato a Taurianova, arrestato un minorenne

Taurianova, sparato per 21 euro

Alla base del tentato omicidio del 27enne Antonio Battaglia, ci sarebbe un debito di pochi euro. Il minorenne arrestato si sarebbe giustificato dicendo di aver bevuto troppo

 

TAURIANOVA – Un debito di 21 euro forse alla base del tentato omicidio ai danni di Antonio Battaglia, 27 anni, avvenuto ieri pomeriggio, intorno alle 17,30, all’interno del bar “Las Vegas” di Taurianova, di proprietà della vittima. Stando a quanto hanno potuto ricostruire gli agenti del Commissariato di polizia di Taurianova, coordinati da Andrea Ludovico, Battaglia avrebbe chiesto al suo aggressore, il 15enne G. S., la somma che gli doveva. Da qui ne sarebbe nata una discussione, sfociata poi nel ferimento del 27enne, raggiunto alla testa da un proiettile esploso da una pistola di piccolo calibro, una 6,35, che non è stata ancora ritrovata. Secondo quanto riferito dal vice questore aggiunto Ludovico, durante la conferenza stampa, il proiettile sarebbe entrato dalla parte posteriore dell’orecchio sinistro e avrebbe attraversato tutto il cranio. Il giovane, che si trova ricoverato all’ospedale Riuniti di Reggio Calabria, lotta ora tra la vita e la morte. Gli agenti hanno identificato il 15enne, incensurato, grazie alle testimonianze delle persone che si trovavano all’interno del bar, al momento della sparatoria. Secondo la descrizione fisica e al solo nome di battesimo forniti dai testimoni, la polizia ha subito capito di chi si trattava, predisponendo la perquisizione nell’abitazione dei genitori. Il ragazzo però non si trovava in casa. Gli agenti hanno così battuto per tutta la notte le campagne vicine, fino a quando il 15enne non si è presentato spontaneamente in Commissariato. Il ragazzo si sarebbe giustificato, dicendo di avere bevuto troppo.

redazione@approdonews.it