Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 13 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Stroncato contrabbando di sigarette elettroniche con un maxisequestro di oltre 220mila prodotti in Calabria Erano privi del contrassegno del monopoli, denunciato un soggetto responsabile del contrabbando

Stroncato contrabbando di sigarette elettroniche con un maxisequestro di oltre 220mila prodotti in Calabria Erano privi del contrassegno del monopoli, denunciato un soggetto responsabile del contrabbando

I finanzieri del Comando Provinciale di Crotone, nell’ambito delle ordinarie attività di tipo preventivo svolte a contrasto dei traffici illeciti, hanno effettuato una mirata attività di lotta al contrabbando delle sigarette elettroniche monouso, meglio note come “e-cig”.
Il loro fenomeno di vendita è in rapida ascesa: da qualche tempo, esse rappresentano una vera e propria moda e con grande facilità, anche attraverso l’impiego di market virtuali, riescono ad entrare nel mercato legale, dove vengono vendute direttamente ai giovani consumatori che così fanno un uso eccessivo di nicotina.
In particolare, le Fiamme Gialle della Tenenza di Cirò Marina hanno ispezionato diversi esercizi pubblici di commercio al dettaglio di prodotti per fumatori e di generi di monopolio, ubicati nel territorio cirotano.
I diversi controlli hanno consentito di sottoporre a sequestro penale e/o amministrativo, in relazione alla quantità di nicotina di volta in volta riscontrata, oltre 220.000 pezzi, tra sigarette elettroniche, filtri e cartine, posti in vendita in assenza della prescritta autorizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.
L’assenza del previsto contrassegno di Stato ed il quantitativo di nicotina riscontrato nelle e-cig sequestrate hanno determinato l’applicabilità della disciplina sanzionatoria penale prevista dal Testo Unico delle Leggi Doganali per contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Infatti, la normativa speciale di settore prevede l’integrazione dell’illecito penale nel caso in cui le condotte di detenzione e vendita di t.l.e. interessino un quantitativo superiore ai 10 chilogrammi.
Per tale ragione, i finanzieri hanno proceduto alla denuncia di un soggetto alla Procura della Repubblica di Crotone per il reato di contrabbando e vendita di generi di monopolio senza autorizzazione, nonché alla segnalazione di due rivenditori all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per l’applicazione di sanzioni amministrative fino ad un massimo di 450.000 euro e la sospensione della licenza di 2 esercizi commerciali per un periodo non inferiore a 5 giorni e non superiore ad un mese.
Lo straordinario risultato operativo evidenzia, ancora una volta, l’importante ruolo che la Guardia di Finanza, con le proprie peculiarità istituzionali di Forza di Polizia Economico-Finanziaria ad altissima vocazione sociale, ha assunto nel controllo economico del territorio, collocandosi in tal modo quale generale presidio a tutela degli interessi dei mercati e dei consumatori, soprattutto, come in questo caso, quando il mercato è orientato ad una platea di giovanissimi consumatori.