Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 28 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Sting in concerto, cantavo sulle navi come Berlusconi

Sting in concerto, cantavo sulle navi come Berlusconi

Grandissimo successo per la tappa romana del Symphonicity tour di Gordon Matthew Thomas Sumner, alias Sting, che ieri sera all’Auditorium, prima di congedarsi, ha concesso alcuni pezzi davanti ad un pubblico in delirio.

Sting in concerto, cantavo sulle navi come Berlusconi

Grandissimo successo per la tappa romana del Symphonicity tour di Gordon Matthew Thomas Sumner, alias Sting, che ieri sera all’Auditorium, prima di congedarsi, ha concesso alcuni pezzi davanti ad un pubblico in delirio.

 

Roma, 11 nov – Grandissimo successo per la tappa romana del Symphonicity tour di Gordon Matthew Thomas Sumner, alias Sting, che ieri sera all’Auditorium, prima di congedarsi, ha concesso alcuni pezzi davanti ad un pubblico in delirio. Una standing ovation di circa venti minuti a conclusione di una serata durata tre ore nel corso della quale Sting ha dato il meglio di se’ insieme all’incontenibile Royal Philharmonic Concert Orchestra, 45 elementi, diretta dal Maestro Steven Mercurio, sul palco insieme ad un quartetto straordinario composto dalla cantante jazz di Adelaide Jo Lawry – con cui ha duettato sulle note di ”Whenever you say” – gli storici collaboratori Dominic Miller e Rhani Krija, chitarrista e percussionista, il bassista Ira Coleman e il percussionista David Cossin. Look da ragazzino – giacchetta e jeans stretti neri con camicia di seta color vinaccio, Sting – in tourne’ dallo scorso 2 giugno – ha ripercorso oltre trent’anni di carriera attraverso i suoi piu’ noti successi tra cui ”Every breath you take”, ”Roxanne” (brano con cui nel 1978 esordi’ con i Police in America) ”Russians”, ”English Man in New York” e ”Message in a bottle”. Amante dell’Italia dove e’ di casa, il cantante ha scherzato con il pubblico, introducendo nella nostra lingua le canzoni con aneddoti e battute. E’ il caso di ”Why should I cry fo you”, dedicata al padre scomparso e tratta dall’album ”The Soul Cages” del quale canta anche ”Mad about you”. ”Mio padre mi aveva dato un solo consiglio: entrare in marina. Voleva per me una vita interessante. L’ho deluso. Ma ho fatto il cantante su una nave da crociera, come Berlusconi”, ha detto sorridendo agli oltre 2mila presenti della Sala Santa Cecilia, dove hanno ballato, tra gli altri, il presidente della Regione Lazio Renata Polverini, il ministro Mara Carfagna, il presidente della Camera di Commercio Giancarlo Cremonesi, il presidente di Bnl Luigi Abete, il presidente della Uir Aurelio Regina, Ugo Brachetti Peretti, Luigi De Laurentiis, il direttore del Tg1 Augusto Minzolini. Tutto esaurito per le prossime tappe del tour che si concludera’ in Giappone il prossimo 13 gennaio.(ASCA)