Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 26 MAGGIO 2024

ELEZIONI CITTANOVA 2024, OGGI ORE 19,30 IN DIRETTA DOMENICO ANTICO. Siamo Live. Seguici dalle ore 19,30
Torna su

Torna su

 
 

Sindaci di Reggio e Villa convinti: «Senza il Ponte non c’è sviluppo»

Sindaci di Reggio e Villa convinti: «Senza il Ponte non c’è sviluppo»

Demetrio Arena e Rocco La Valle hanno scritto una lettera aperta destinata ai parlamentari per sottolineare la valenza del collegamento tra Calabria e Sicilia. «Le preoccupazioni del mondo economico sono altre, e cioè che si sposti il baricentro verso Sud, che il Sud venga fuori dall’emarginazione e dal disagio»

Sindaci di Reggio e Villa convinti: «Senza il Ponte non c’è sviluppo»

Demetrio Arena e Rocco La Valle hanno scritto una lettera aperta destinata ai parlamentari per sottolineare la valenza del collegamento tra Calabria e Sicilia. «Le preoccupazioni del mondo economico sono altre, e cioè che si sposti il baricentro verso Sud, che il Sud venga fuori dall’emarginazione e dal disagio»

 

 

REGGIO CALABRIA – «Non c’è dubbio che senza il Ponte sullo Stretto e senza ciò che la struttura rappresenta per questi territori, il mezzogiorno d’Italia sarà escluso da qualsiasi programma di sviluppo nazionale ed internazionale». È quanto si afferma in una lettera aperta al Parlamento sottoscritta dai sindaci di Reggio Calabria, Demetrio Arena, di Villa San Giovanni, Rocco La Valle e dai primi cittadini di altri centri del reggino sulla vicenda dell’iter realizzativo dell’infrastruttura.

«Non c’è dubbio altresì – proseguono i sindaci – che le preoccupazioni del mondo economico sono altre, e cioè che si sposti il baricentro verso Sud, che il Sud venga fuori dall’emarginazione e dal disagio, che il futuro proietti verso l’ Africa (e non verso Est o Nord Europa) le logiche economiche, che il futuro diventi il Mediterraneo con al centro le sue popolazioni. La storia insegna che vi è un solo modo per distruggere questo futuro: impedire che si realizzi ogni forma di sviluppo e di collegamento, emarginare ‘ab originè oltre ogni limite i territori, distruggere ‘nella cullà ogni forma vitale».

«Pur di non fare il Ponte i ‘detrattorì – è scritto ancora nel testo – hanno mosso gli ambientalisti, hanno scomodato la natura, i terremoti, gli uccelli migratori, l’ombra del Ponte….; hanno evocato terremoti, tempeste di mare, venti non sostenibili; lo hanno elevato a simbolo di inutilità e di spreco; hanno scomodato la mafia che invece di essere arginata e sconfitta vedrà incrementare i propri proventi; hanno finanche scritto che distruggerà l’insularità Ssciliana. Nessuno però si è soffermato sui flussi di traffico provenienti dall’Africa e diretti in Europa e viceversa, sullo scambio di merci, sulla portualità. L’ impegno dello Stato è solo di 1,3 miliardi. Ma veramente – concludono i sindaci – è così insostenibile? Noi non lo pensiamo affatto».