Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 23 FEBBRAIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Rinascita per Cinquefrondi: “L’amministrazione targata Cascarano degna figlia del berlusconismo”

Rinascita per Cinquefrondi: “L’amministrazione targata Cascarano degna figlia del berlusconismo”

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

Duro attacco al governo nazionale e a quello locale del gruppo associativo della sinistra cinquefrondese

di DANILO LORIA

Rinascita per Cinquefrondi: “L’amministrazione targata Cascarano degna figlia del berlusconismo”

Duro attacco al governo nazionale e a quello locale del gruppo associativo della sinistra cinquefrondese

 

di Danilo Loria

 

 

CINQUEFRONDI (RC) – L’associazione politico-culturale, guidata da Michele Conia, va giù duro contro il governo Monti e l’amministrazione guidata dal pidiellino Marco Cascarano. “Un fine 2011 dove – si legge in una nota di Rinascita – un conto “salatissimo” viene fatto pagare ai lavoratori, ai pensionati, alle giovani generazioni ed al ceto debole da un governo nazionale espressione delle banche, della finanza e dei poteri forti, che da primi responsabili del fallimento al quale stiamo assistendo, si propongono come salvatori della patria”. Nella nota si parla anche dell’ex premier Berlusconi. “Ancora rimbombano  – scrivono – i proclami del leader della destra: “la crisi non esiste, non metteremo le mani in tasca agli italiani, aumenteremo le pensioni minime, aboliremo l’Ici per tutti”. Sta di fatto però che in questo anno i ricchi sono diventati più ricchi, e non vogliono nemmeno partecipare a pagare il conto, ed i poveri sempre più poveri”.

Rinascita, “in questo contesto difficile”, chiede un “impegno civile e politico a tutti coloro i quali ancora credono nella democrazia partecipata e nella solidarietà come elementi di autentica coesione sociale e di condivisione attiva delle scelte”. Il gruppo di Conia fa poi un attacco frontale a Cascarano a ai suoi collaboratori. “L’attuale amministrazione comunale – sottolinea – continua a perpetuare una sacca di privilegi e privilegiati, discredita le istituzioni, alimenta incertezze e continua ad essere inconcludente in tutti i settori. Sono degni figli del berlusconismo, che ha speso un intero anno in proclami, populismi e grandi promesse senza mai riuscire a concretizzare risultati”. Infine un messaggio rivolto ai cittadini cinquefrondesi augurando “di passare le feste di fine anno in serenità ed un inizio del nuovo anno all’insegna di una ritrovata voglia collettiva di reagire, tanto sul piano locale che nazionale, per rivendicare con rinnovato vigore la giustizia sociale e la democrazia partecipata”.

redazione@approdonews.it