Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Reggio Calabria uguale disagi

Reggio Calabria uguale disagi

E’ il grido d’allarme di Nicola Irto, consigliere comunale Pd

“Reggio Calabria uguale disagi”

E’ il grido d’allarme di Nicola Irto, consigliere comunale Pd

 

 

Riceviamo e pubblichiamo:

Reggio Calabria. Periferie e disagi. Un binomio ormai noto per i territori al margine del centro cittadino e per i residenti. Una situazione che non è circoscritta ai quartieri della zona Sud di Reggio, ma che, purtroppo si allarga alle aree di Gallico, Catona e Salice. Non si contano, infatti, i danni che, il maltempo, ha causato e causa ancora al quadrivio di Passo Caracciolo, dove basta un po’ di pioggia per far traboccare i tombini, far scorrere l’acqua sul manto stradale e impedire il regolare deflusso del traffico.

Una situazione simile, ma non meno gravosa, per i residenti dell’ex ottava circoscrizione nei territori di Catona e Salice. Un degrado che, nei giorni scorsi, è stato segnalato anche dal Segretario del Circolo del Partito Democratico di Catona, Enzo Marra, denuncia che mi sento di avallare pienamente. Sono mesi, infatti, ormai, che segnalo lo stato di abbandono delle periferie e la mancata attenzione

dell’Amministrazione comunale verso queste aree e i cittadini che qui trascorrono la loro quotidianità. Se è vero che, come rileva il Pd di Catona, «basta un po’ di pioggia per impedire la circolazione per le strade» e che «questa è una situazione che si protrae da ormai «due anni», è evidente il disinteresse delle forze al Governo a Palazzo San Giorgio nel gestire le emergenze delle aree che non siano “il centro cittadino”. Se è vero ancora che, nella zona Nord, ci sono «voragini e cedimenti strutturali rischiosi per l’incolumità dei cittadini che, ogni qualvolta si presenta un temporale, sono costretti a fare gli scongiuri», io aggiungo che queste sono emergenze che si registrano indifferentemente da Nord a Sud, da Ravagnese ad Arghillà. Non si può parlare di episodi isolati, quindi, ma di un reale stato di emergenza di tutto il territorio coincidente con le periferie cittadine. Condizioni per le quali non bastano interventi di “rattoppo”, quando vengano realizzati, ma di un piano serio, strategico, volto al recupero delle aree ai margini del centro

storico. Per farlo, prima ancora che dei mezzi finanziari, serve la volontà politica. E l’impegno civile di rendere “possibile” la vita dei reggini. Non, dunque, un invito all’Amministrazione di centrodestra, ma un richiamo vigile, per una gestione concreta, tempestiva ed efficace volta alla risoluzione dei disagi dei

cittadini con una programmazione di interventi strutturali e urbanistici definitivi.

Nicola Irto, consigliere comunale Pd

redazione@approdonews.it