Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), THURSDAY 22 OCTOBER 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Raniero Busco colpevole Condannato a 24 anni

Raniero Busco colpevole Condannato a 24 anni

Unico imputato nel processo per il delitto Cesaroni. Il pm aveva chiesto l’ergastolo

Raniero Busco colpevole Condannato a 24 anni

Unico imputato nel processo per il delitto Cesaroni. Il pm aveva chiesto l’ergastolo

 

 

 

ROMA – Raniero Busco è stato condannato a 24 anni per l’omicidio di Simonetta Cesaroni. La Corte presieduta da Evelina Canale ha disposto che Busco risarcisca le parti civili in separata sede assegnando una provvisionale immediatamente esecutiva di 100 mila euro per la sorella di Simonetta e 50 mila per la madre. Nessuna provvisionale per il Comune di Roma. Subito dopo la lettura della sentenza Raniero Busco è stato trascinato via dall’aula della terza Corte d’assise di Roma dal fratello. La moglie era accanto a lui. Alcuni amici e familiari hanno urlato “no” alla parola “condanna”. Molti sono in lacrime. PAOLA CESARONI, E’ CONFERMA FIDUCIA GIUSTIZIA – “Questa sentenza è la conferma della fiducia che non abbiamo mai perso nella giustizia, nelle istituzioni e nell’impegno dei pm in venti anni di lavoro”. E’ quanto ha detto all’ANSA Paola Cesaroni, sorella di Simonetta, appena saputo dell’esito della sentenza che ha condannato a 24 anni Raniero Busco. Parole dette con la voce rotta dal pianto. “Siamo state premiate io e mia madre anche perché abbiamo sempre creduto nel lavoro degli inquirenti, qualunque direzione andasse – ha proseguito Paola – questa sentenza rappresenta la fiducia nelle istituzioni, che non abbiamo mai perso”. BUSCO: MI CHIEDO PERCHE’, E’ INGIUSTO – “Mi chiedo perché devo essere la vittima. Trovo tutto questo profondamente ingiusto”. Lo ha detto Raniero Busco parlando con il suo difensore, Paolo Loria, pochi minuti dopo aver abbandonato l’aula bunker di Rebibbia. “Dire che sono deluso – ha aggiunto – è poco. Davvero non me l’aspettavo una sentenza del genere”.

Change privacy settings