Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 15 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

“Non si neghi ai giovani il diritto alla loro storia”

“Non si neghi ai giovani il diritto alla loro storia”

| Il 18, Lug 2012

E’ quanto sostiene il sociologo Antonio Marziale a proposito della distruzione dei nastri concernenti la registrazione di due telefonate intercorse tra il capo dello Stato Giorgio Napolitano e l’ex ministro di Grazia e Giustizia Nicola Mancino, rientranti nell’ambito dell’inchiesta per la morte del giudice Paolo Borsellino

“Non si neghi ai giovani il diritto alla loro storia”

E’ quanto sostiene il sociologo Antonio Marziale a proposito della distruzione dei nastri concernenti la registrazione di due telefonate intercorse tra il capo dello Stato Giorgio Napolitano e l’ex ministro di Grazia e Giustizia Nicola Mancino, rientranti nell’ambito dell’inchiesta per la morte del giudice Paolo Borsellino

 

 

“La storia è il mezzo più efficace per educare le masse in età evolutiva. I giovani hanno il diritto di conoscere chi sono, da dove vengono e in che razza di paese vivono. Negare loro questo diritto significa precluderne il percorso di formazione identitaria civile e sociale”: è quanto sostiene il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori e consulente della Commissione parlamentare per l’Infanzia, a proposito della distruzione dei nastri concernenti la registrazione di due telefonate intercorse tra il capo dello Stato Giorgio Napolitano e l’ex ministro di Grazia e Giustizia Nicola Mancino, rientranti nell’ambito dell’inchiesta per la morte del giudice Paolo Borsellino.

Marziale si dice: “Indignato per l’ennesima riprova del fatto che il rispetto delle prerogative dei potenti continua a prendere il sopravvento sul diritto alla giustizia, che nelle aule viene proclamata nel nome del popolo italiano e non già delle immunità parlamentari o di Stato che siano. Non certo un esempio costruttivo per gli adolescenti, che dalla cronaca quotidiana traggono elementi per educarsi al rispetto delle regole”.

ll presidente dell’Osservatorio si dice: “Vicino alla famiglia del giudice Borsellino, il cui sacrificio è destinato a rimanere impresso nel cuore e nella mente della gente, al contrario della quantità di norme e fiumi d’inchiostro, attestanti dottrine giurisprudenziali sempre più elastiche ed evanescenti, utili soltanto ad inoculare nelle generazioni in divenire i fondamenti di una giustizia che non c’蔝.

redazione@approdonews.it