Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 12 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Polistena, 14 ex lavoratori Lsu/Lpu, il sindaco replica agli avvocati Pittelli e Barilari

Polistena, 14 ex lavoratori Lsu/Lpu, il sindaco replica agli avvocati Pittelli e Barilari

REPLICA AGLI AVVOCATI BARILARI E PITTELLI
Apprendo che i due avvocati che difendono i 14 lavoratori ex LSU LPU del Comune di Polistena si siano sentiti quasi “costretti“ a fare una nota a margine di una serie di comunicati che i diversi gruppi politici presenti in Consiglio Comunale hanno diramato in merito all’udienza del 22 febbraio u.s. riguardante le ore integrative dei lavoratori.
Detta nota degli avvocati, intervenendo nel merito delle questioni dibattute, assume invece l’effetto opposto, ovvero politico, così come è politico il carattere che ha accompagnato la vicenda dall’inizio con strumentalizzazioni di ogni tipo.
Voglio ricordare infatti che sono state svolte conferenze pubbliche in più circostanze (anche in piazza) alla presenza di legali e di sindacalisti che avrebbero, dall’inizio, dovuto mantenere un profilo professionale, tecnico giuridico, improntato al dialogo e non allo scontro nell’esclusivo interesse dei lavoratori.

Quanto al merito dell’udienza del 22 febbraio ribadiamo che:
la domanda principale di controparte era quella di far ottenere non già l’integrazione oraria ai lavoratori bensì il tempo pieno e cioè le 36 ore settimanali a ciascun lavoratore.
la prima proposta conciliativa del giudice era stata interpretata da controparte in modo decisamente errato come emerso durante il dibattimento.
L’intervento del Sindaco in giudizio ha migliorato la prima proposta conciliativa, aggiungendo al recupero delle ore non lavorate, la disponibilità del Comune di incrementare le ore in modo stabile per le categorie A a 29 ore e per le categorie B a 28 ore settimanali.

Ogni altra valutazione resa nella nota dagli avvocati che riguarda scelte di tipo organizzativo di altri lavoratori del comune non attiene alle loro competenze professionali né al giudizio in corso bensì alle libere valutazioni dell’Amministrazione Comunale.
L’Amministrazione Comunale infatti può autonomamente accordare a tutti i lavoratori, oggi a 26 ore, più ore come avvenuto per il riconoscimento del lavoro supplementare, al quale tra l’altro nel 2023 hanno anche aderito i lavoratori ricorrenti. Né è fatto divieto ai lavoratori ancora a 23 ore settimanali a sottoscrive l’incremento orario a 26 sin da subito.
Nessun paradosso dunque ma equità e pari opportunità per tutti anche, se possibile, per quei lavoratori part-time (nel numero di 11) non compresi tra i beneficiari delle integrazioni orarie inquadrati a 26 ore settimanali.
Per tali ragioni auspichiamo che nella prossima udienza i 14 lavoratori accettino la proposta conciliativa del giudice finendo così di farsi abbindolare da certe sirene politiche che sino ad oggi li hanno fomentati verso uno scontro giudiziario inutile e sbagliato.

Polistena 24 febbraio 2023

Per l’Amministrazione Comunale
IL SINDACO – Dott. Michele Tripodi