Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 11 AGOSTO 2020

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Pasquale Tripodi contesta la riorganizzazione dipartimentale dell’azienda ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli”

Pasquale Tripodi contesta la riorganizzazione dipartimentale dell’azienda ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli”

Il capo gruppo Udc: “Le nomine dei responsabili dipartimentali, ci sembrano frutto di ordini superiori di vecchia memoria”

Pasquale Tripodi contesta la riorganizzazione dipartimentale dell’azienda ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli”

Il capo gruppo Udc: “Le nomine dei responsabili dipartimentali, ci sembrano frutto di ordini superiori di vecchia memoria”

 

 

 

REGGIO CALABRIA-“La riorganizzazione funzionale dipartimentale dell’Azienda Ospedaliera “Bianchi- Melacrino-Morelli, così frettolosamente determinata dal Commissario dottore­­ Carmelo Bellinvia, e le relative nomine dei responsabili dipartimentali, ci sembrano frutto di ordini superiori di vecchia memoria”. Lo afferma il capogruppo dell’Udc Pasquale Tripodi, secondo cui “Non si capisce quali siano le scelte innovative, così tanto auspicate, se non quelle, a mio avviso, di moltiplicare pani e pesci per soddisfare o difendere situazioni particolari.  Oggi  – chiarisce Tripodi –  la sanità regionale ha bisogno di uno sforzo serio e  responsabile, lasciando da parte scelte scellerate.  È opportuno, pertanto, l’intervento del  presidente Scopelliti  al fine di  eliminare il disagio di un’impostazione profondamente errata. E per evitare che si  diffonda un concetto errato di sanità, ancorata al passato e finanziariamente non compatibile. Si tratta di un disagio che già si avverte in altre province, non ultima la provincia di Vibo Valentia, per la quale il presidente della Commissione ‘Attività sociali, sanitarie, culturali e formative’  Nazzareno Salerno, chiede azioni coraggiose per una nuova sanità, che punti anzitutto su  professionisti capaci”.

Prosegue il capogruppo dell’Udc: “Non si può più mortificare l’intelligenza e la professionalità dei molti e premiare la furbizia dei pochi. È necessario monitorare i bisogni prima di decidere. E non favorire strutture semplici e dipartimentali fotocopie o personalizzate. Ridurre le spese, senza penalizzare i servizi offerti, vuol dire avere il coraggio di chiudere i doppioni delle Unità operative complesse per aprirne altre più efficienti e necessarie. Infine, tutte le strutture semplici che rappresentano l’ossatura dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria che fine faranno? È giunto il momento  – conclude Tripodi –  di fare sanità sentendo  la Consulta dei sanitari che, al momento, non ci risulta sia stata interpellata,  i sindacati e  le rappresentanze del terzo settore del volontariato”.

 

 

 

rp                                                                        L’Uffic

Partecipa alla discussione

Change privacy settings