Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 15 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

“Ok decreto motovedette: ora Piano Marshall Africa” Lo dichiara Maria Tripodi, capogruppo di Forza Italia in Commissione Difesa a Montecitorio

“Ok decreto motovedette: ora Piano Marshall Africa” Lo dichiara Maria Tripodi, capogruppo di Forza Italia in Commissione Difesa a Montecitorio
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“La Camera dei Deputati ha approvato con il voto convinto di Forza Italia il #dlMotovedette, strumento necessario per la sicurezza delle coste e il contenimento dei flussi migratori. Un’azione politica di buon senso già portata avanti per lunghi anni dai nostri governi”. Lo dichiara Maria Tripodi capogruppo di Forza Italia in Commissione Difesa a Montecitorio, che prosegue “ fa piacere constatare come schieramenti di diverso colore politico abbiano compreso il valore e la lungimiranza della politica estera di Silvio Berlusconi che fu il primo, con il Trattato di Amicizia Italo-Libico, a gettare le basi per l’azzeramento del fenomeno migratorio.

Oggi in tempi di immigrazione fuori controllo, è evidente che non possa essere sufficiente solo un dl come quello approvato. È indispensabile e urgente varare un Piano Marshall per l’Africa con il quale si possa intervenire direttamente tramite azioni mirate in settori strategici, che possano aiutare a migliorare le condizioni di vita delle popolazioni in loco e impedirne l’esodo verso l’Europa. Come dimostra il recente viaggio del Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani in Niger, con il parteneriato e grazie agli investimenti di quella UE così vituperata dai populisti, si possono ottenere risultati tangibili.

Ne è l’esempio il Paese governato da Issoufou che ha ridotto del 95% i flussi migratori verso la Libia e il continente europeo, ed è diventato un modello al quale devono necessariamente guardare anche in chiave della soluzione libica, Paesi come Chad, Burkina Faso, Mali e Mauritania che insieme al Niger fanno parte del G5 del Sahel, gli Stati dai quali partono larghissima parte dei migranti”, conclude l’esponente azzurra.