Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 01 MARZO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Le ragioni del “No” di “Innamorati” e “Idea Calabria” Incontro a Taurianova in vista del referendum costituzionale del 4 dicembre - GUARDA LE INTERVISTE

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

TAURIANOVA – Si è svolto sabato pomeriggio l’incontro organizzato da “Idea Calabria” per affermare con forza il “No” alla riforma Costituzionale voluta dal premier Renzi. Il tour del movimento politico ha l’obiettivo, come sottolineato dal leader Giuseppe Raffa, di «difendere la democrazia e il diritto dei cittadini di poter utilizzare il libero esercizio del voto». Prosegue il presidente dell’Amministrazione provinciale: «Con questa riforma si perderebbe il principio democratico e, di contro, anche la sovranità popolare. Saremmo ancora succubi dell’Europa ed incapaci di determinare il nostro futuro».

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

Le ragioni del “No” hanno trovato l’appoggio del gruppo “Innamorati di Taurianova”. Queste le parole del capogruppo in Consiglio Comunale, Roy Biasi: «Riteniamo che la nostra Carta Costituzionale, una delle più giovani dell’Occidente, non possa essere stravolta dal trio Renzi-Boschi-Verdini. La riforma consegna l’Italia nelle mani di pochi, mentre noi vogliamo che rimanga nelle mani della gente ed in quelle del popolo». Ancora l’ex primo cittadino di Taurianova: «Ci opponiamo con forza nei confronti di coloro che vogliono consegnare il nostro Paese nelle mani delle oligarchie. Bisogna dare ai nostri figli una terra dove il popolo rimane sovrano».

Da registrare anche l’intervento di Filippelli: «La riforma è stato voluta dal Governo che non può, secondo i principi costituzionali, promuovere un qualcosa di sovranità popolare che compete al Parlamento. Il nostro è un “No” convinto, ragionato». In conclusione le parole di Maria Fedele, coordinatrice Area Piana Bassa di “Idea Calabria”: «Abbiamo organizzato una serie di incontri con i cittadini per informarli sulle ragioni del “No”. L’invito è quello di votare con coscienza».