Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 01 MARZO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Le operazioni dei Carabinieri nel reggino

Le operazioni dei Carabinieri nel reggino

A Bruzzano Zeffirio, Stilo, Caulonia, Scilla, San Ferdinando, Rosarno e Rizziconi

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

Le operazioni dei Carabinieri nel reggino

A Bruzzano Zeffirio, Stilo, Caulonia, Scilla, San Ferdinando, Rosarno e Rizziconi

 

 

I carabinieri della Stazione di Bruzzano Zeffirio (RC), deferivano in stato di libertà M.T., 57 anni. Predetta e risultava essere la proprietaria di un gregge di bovini che creava pericolo ed intralcio alla circolazione stradale poiché fatto pascolare abusivamente lungo la strada che collega la frazione di Motticella (RC) con il Comune di Bruzzano Zeffirio.

 I militari della Stazione di Bruzzano Zeffirio (RC), deferivano in stato di libertà G.G., 44 anni. Predetto e risultato essere il proprietario di un gregge di bovini che creava pericolo ed intralcio alla circolazione stradale poiché fatto pascolare abusivamente lungo la strada che collega la frazione di Motticella (RC) con la località Scrisà del Comune di Bruzzano Zeffirio.

Stilo, il Dirigente del Dipartimento di prevenzione igiene degli alimenti dell’ASP di Reggio Calabria, ha disposto la chiusura del laboratorio cucina presso l’istituto comprensivo “S.P.B.”, gestito dalla società “A.C.”, della quale risulta titolare L.T.A., 38 anni. Il provvedimento è scaturito a seguito di precedente attività ispettiva condotta dai Carabinieri del N.A.S. di Reggio Calabria, durante la quale è stato accertato che il laboratorio era stato attivato in assenza della denuncia di inizio attività e dei requisiti igienico sanitari.

Caulonia (RC), all’interno del deposito della società “L.P. s.a.s” di proprietà P.A., 71 anni, si è sviluppato un incendio, che danneggiava la cabina guida, il vano motore e la cella frigorifero dell’autocarro Fiat Iveco 4535.

 

Scilla (RC), ignoti hanno attinto con sei colpi di pistola la saracinesca dell’agenzia pubblicitaria di proprietà F.G., 37 anni.

I carabinieri della Stazione di RC-Cannavò, traevano in arresto su ordine esecuzione pene concorrenti e contestuale ordine esecuzione L.P., 73 anni, per espiazione pena di anni 7, mesi 7 di reclusione, per il reato di associazione a delinquere.

Scilla (RC), I militari della Compagnia – Aliquota Radiomobile – di Villa San Giovanni, traevano arresto in flagranza di reato R.R.A., 18 anni; C.C., 18 anni. Prevenuti poco prima, si erano introdotti, all’interno dell’abitazione di proprietà F.D. e, dopo aver rovistato interno locali, venivano messi in fuga da medesimo proprietario. Malfattori si allontanavano a piedi vie circostanti, senza nulla asportare. Immediate ricerche, permettevano di bloccare e arrestare i due stranieri nei pressi della Stazione Ferroviaria.

Scilla (RC), ignoti hanno esploso due colpi d’arma da fuoco all’indirizzo della saracinesca del Bar denominato “B.” di proprietà P.F., 34 anni.

 

 San Ferdinando (RC), P.S., 43 anni e P.M., 52 anni, entrambi dipendenti ditta “A.T.P. s.r.l.”, mentre si trovavano a bordo dell’autoarticolato Stradis 500, in sosta lungo la S.G.C. “Ionio- Tirreno” nei pressi dello svincolo autostradale di Rosarno, sono stati affrontati da due individui con il volto travisato da passamontagna, uno dei quali armato di pistola, sopraggiunti a bordo dell’autovettura Fiat Panda. Occorso malviventi costringevano i malcapitati a scendere dal mezzo pesante e, dopo aver staccato il rimorchio, si impossessavano della motrice e del relativo cassone carico di mobili e complementi di arredo, allontanandosi in direzione Siderno.

I carabinieri della Tenenza di Rosarno (RC), rinvenivano occultato all’interno di una intercapedine di un edificio, un involucro in cellophane contenente gr. 16 di sostanza stupefacente del tipo hashish.

Rizziconi (RC), due malviventi con il volto travisato da passamontagna, di cui uno armato di coltello, facevano irruzione all’interno dell’abitazione di S.A., 82 anni, e sotto la minaccia dell’arma, costringevano l’anziana a consegnare la somma di euro 500 e si dileguavano a piedi per le vie circostanti.