Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 22 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Isola Capo Rizzuto, 16enne muore accoltellato dopo una lite in un locale La vittima si chiamava Michael Catizone. Fermato un uomo: "Non volevo uccidere nessuno"

Isola Capo Rizzuto, 16enne muore accoltellato dopo una lite in un locale La vittima si chiamava Michael Catizone.  Fermato un uomo: "Non volevo uccidere nessuno"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

ISOLA CAPO RIZZUTO – «Non volevo ammazzare nessuno, con quel coltellino non capisco come sia stato possibile». A dirlo, secondo quanto si è appreso, sarebbe stato Carmine Pullano, il trentunenne disoccupato fermato con l’accusa di avere ucciso con due coltellate il sedicenne Maycol Catizone, subito dopo essere stato individuato e fermato dai carabinieri di Isola Capo Rizzuto e del Comando provinciale di Crotone.

L’omicidio è avvenuto poco dopo le 23,30 di ieri sera quando, per futili motivi, si è accesa una discussione all’interno del bar Romania style. La discussione è poi degenerata in rissa ed è continuata su piazza Roma dove Pullano avrebbe ucciso il ragazzo a colpi di coltello ferendo anche altri due amici, di 23 e 20 anni, che hanno però riportato ferite lievi: uno è stato portato nel reparto di chirurgia dell’ospedale di Crotone mentre l’altro ha rifiutato il ricovero. Catizone, invece, è morto nell’ambulanza del 118 durante il trasferimento all’ospedale.

Nel corso della notte i carabinieri della Compagnia di Crotone, diretti dal maggiore Antonio Mancini, dopo aver ascoltato diversi testimoni e visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, hanno eseguito il fermo di Pullano, 31 anni, disoccupato, originario di Isola di Capo Rizzuto, accusato dell’omicidio e del ferimento degli altri due ragazzi. Dopo l’accaduto l’uomo si è dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce. I Carabinieri lo hanno ritrovato dopo qualche ora in un’abitazione estiva, di proprietà della madre, nella quale sono entrati dopo aver sfondato la porta: l’uomo era nascosto sotto alcuni materassi accatastati in una camera da letto. Pullano si trova ora nel carcere di Catanzaro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.