Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 23 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Giuseppe SCULLARI (1903-1938) – Lo scultore del legno – Altro personaggio cantato in silloge nella "Spoon River Taurianovese - La morte li colse vivi -" dal giurista Giovanni Cardona

Giuseppe SCULLARI  (1903-1938) – Lo scultore del legno – Altro personaggio cantato in silloge nella "Spoon River Taurianovese - La morte li colse vivi -" dal giurista Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Giuseppe SCULLARI (1903-1938)
– Lo scultore del legno –
Non sono andato fino in fondo
la morte mi colse
privandomi dell’abbraccio
prediletto dei miei pargoli.
Nacqui a Radicena
il 29 luglio del 1903
in vico Mileto sedici
da Vincenzo e Maria Stella Labate.
Scolpivo il legno
per innata propensione
costruivo marchingegni
intarsiavo materiali pregiati
in noce, palissandro e ciliegio
ai quali conferivo una struttura.
A Roma negli anni venti
frequentai la scuola artistica
del grande ebanista Bartoli
affinando la tecnica
e acquisendo il diploma.
A Firenze a 20 anni
all’Esposizione Nazionale d’Arte
per le opere esibite
vinsi la medaglia d’oro.
Avevo in mano
un raffinato, colto e complesso
mestiere d’arte.
Dopo una breve pausa triestina
rientrando nel mio borgo
mi accorsi in compagnia
di don Ciccio Sofia
della presenza di una ragazza
che di lì a poco impalmai:
Maria Maddalena Esposito
la figlia dell’amalfitano Gaetano.
Fui padre di cinque virgulti
l’ultimo dei quali
non vidi in vita.
Fui anche pittore e decoratore
aiutai il cugino di mia moglie
lo scultore Vincenzo Romeo Toscano
a realizzare i bassorilievi biblici
nella parrocchiale
di San Giuseppe a Radicena.
In una fredda mattinata di marzo
contrassi un’infezione ai polmoni
due interventi del cerusico Lo Cascio
mi strapparono il sospiro della vita.
All’arte affido in fin
davvero il nome mio
ora tra questo legno
della consunta bara
trafitta e piagata
come un corpo ferito
da un arcaico dolore
alleviato e custodito
dalla consolante presenza
dei miei trapassati amori
ai quali dalla antica sventura
ora mi lega
nella cripta di famiglia
lo sguardo confortatore.
La Spoon River Taurianovese