Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 22 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Fenomeno vacche sacre, catturato toro a Taurianova Vivace scambio di battute tra il comitato “No Bull” ed il sindaco Scionti sulla vicenda

Fenomeno vacche sacre, catturato toro a Taurianova Vivace scambio di battute tra il comitato “No Bull” ed il sindaco Scionti sulla vicenda
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Importante operazione della task force a Taurianova. Un grosso toro, infatti, che da settimane girava in contrada Olivetello, provocando danni alle colture e disagio ai cittadini, è stato sedato e portato in sicurezza liberando così il territorio da una grave situazione di allarme. Nell’ambito del servizio predisposto dalla Prefettura sono stati catturati più di dieci animali e ad oggi sono complessivamente circa 150.

Il comitato “No Bull” ha però rimbrottato l’amministrazione comunale: “A Taurianova, in contrada Olivetello, è stato catturato un grosso toro che da più di un mese sostava su un terreno coltivato a kiwi di proprietà dell’architetto Zerbi. Fondamentale il ruolo del comitato che, suo malgrado, è diventato un punto di riferimento nelle operazioni di cattura dei bovini. Il comitato ha riempito un vuoto lasciato dalle istituzioni a Taurianova che si sono dimostrate sorde all’appello lanciato da un privato cittadino. No Bull non vuole sostituirsi né travalicare le istituzioni, il suo scopo è quello di stimolare l’attività delle stesse in collaborazione con la task force istituita dal Prefetto. Perciò auspica che in futuro, anche a Taurianova e negli altri Comuni interessati, anche le istituzioni diventino parte attiva, come delineato dal prefetto nei Comitati per l’ordine e la sicurezza pubblica”.

Sulla vicenda, senza però voler alimentare polemiche, è intervenuto il sindaco Scionti per fare chiarezza: “Nelle settimane scorse c’è stata una telefonata per far presente la situazione, ma successivamente non sono seguite comunicazioni per poter intervenire concretamente. Negli ultimi giorni, inoltre, non abbiamo avuto nuove segnalazioni in merito. Comunque non si può intervenire su un terreno privato: il compito dell’amministrazione è quello, in caso di richiesta d’aiuto di un cittadino, di comunicare la problematica alla Prefettura e far attivare la task force. L’importante è lavorare in sinergia, che ci sia l’impegno di tutti per risolvere quest’annosa problematica per il territorio”.