Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), VENERDì 24 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Fatti di ‘ndrangheta assassina. Il 13 aprile di 49 anni fa, la “strage dei bambini” a Cittanova Domenico e Michele Facchineri vennero trucidati, mentre portano una mandria di maiali, perché figli di Vincenzo "u zoppu"

Fatti di ‘ndrangheta assassina. Il 13 aprile di 49 anni fa, la “strage dei bambini” a Cittanova Domenico e Michele Facchineri vennero trucidati, mentre portano una mandria di maiali, perché figli di Vincenzo "u zoppu"

Una drammatica storia quella della strage dei bambini avvenuta il 13 aprile del 1975 a Cittanova in provincia di Reggio Calabria in cui la ndrangheta si macchiò di un grave crimine. Nonostante sia stato un episodio gravissimo oggi pochi ricordano quanto accadde all’epoca; il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende riproporre la vicenda attraverso l’elaborato della studentessa Carla Le Rose della classe III sez. C del Liceo Scientifico Filolao di Crotone.
“La domenica del 13 Aprile 1975, a Cittanova alle ore 9:15 avvenne la strage dei bambini, la più crudele e sanguinosa faida scoppiata fra le famiglie ‘ndrangtiste Facchineri e Raso-Albanese
In Via Palermo, colpi di fucile escono dal mirino di quattro uomini da volto coperto in direzione della casa di Giuseppe Facchineri.
La vittima muore durante il trasporto all’ospedale di Taurianova. Insieme a lui la moglie e Michele Facchineri con il figlio di soli 6 anni.
Compiuto l’omicidio il killer si allontanano in direzione della contrada Salvo, qui incontrano i due bambini Domenico e Michele Facchineri.
Vennero trucidati, mentre portano una mandria di maiali, perché figli di Vincenzo “u zoppu”.
Un contadino Pasquale De Marzo assiste alla terribile scena.
Domenico alza le mani in cielo in segno di resa, ma i killer non hanno pietà.
Michele verrà ritrovato morto da un colpo di lupara alla nuca dietro ad un cumulo di sabbia.
Conclusa la strage i killer nascondono le tracce bruciando tutto.
Vittime dell’ndrangheta, anche se appartengono alla famiglia, vivono nel terrore perché la malavita non guarda in faccia nessuno, neanche i bambini innocenti che restano estranei ai loschi affari. Di questi bambini innocenti, Domenico e Michele, restano solo le foto. Di una simile inutile faida durata quarant’anni resta solo la crudeltà e la cattiveria umana che non hanno avuto rispetto neppure dell’innocenza dei bambini.”
Fra tutti gli omicidi insensati, come lo sono tutti quelli degli innocenti, quelli che riguardano i bambini dovrebbero indignare la società civile maggiormente, spingendo tutti i cittadini a rifiutare la cultura della violenza e a preservare quanto più possibile il valore della vita. Dopo molti anni continuiamo a chiederci il perché di tanta malvagità.