Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), GIOVEDì 18 LUGLIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Estate in Sicurezza 2024: I Carabinieri della Compagnia di Soverato in “prima linea” per la comunità I carabinieri non solo reprimono le attività illecite, ma attraverso il loro lavoro quotidiano, costruiscono un rapporto di fiducia con la popolazione, agendo come punto di riferimento e supporto

Estate in Sicurezza 2024: I Carabinieri della Compagnia di Soverato in “prima linea” per la comunità I carabinieri non solo reprimono le attività illecite, ma attraverso il loro lavoro quotidiano, costruiscono un rapporto di fiducia con la popolazione, agendo come punto di riferimento e supporto

| Il 10, Lug 2024

Il primo weekend di luglio è stato caratterizzato dalla copiosa presenza dei primi vacanzieri nelle località costiere del soveratese e i Carabinieri della Compagnia di Soverato, con il servizio straordinario di controllo del territorio, denominato “Estate in Sicurezza 2024“, già avviato lo scorso fine settimana, hanno intensificato i controlli sui luoghi della movida e sulle principali arterie stradali del litorale ionico, assicurando il trascorrere sereno di un periodo di relax a cittadini e turisti.
“Estate in Sicurezza 2024” mira a fornire sul territorio una vigilanza attiva e costante, tale da prevenire reati e comportamenti pericolosi, aumentando il senso di sicurezza tra i cittadini. I carabinieri non solo reprimono le attività illecite, ma attraverso il loro lavoro quotidiano, costruiscono un rapporto di fiducia con la popolazione, agendo come punto di riferimento e supporto. La loro vicinanza, grazie alla capillarità dei presidi dell’Arma, permette di intervenire prontamente in situazioni critiche, assicurando che le leggi siano rispettate e che la convivenza civile sia mantenuta.
Il servizio ha posto particolare attenzione alla lotta contro lo spaccio di stupefacenti e alla sicurezza stradale, nonché al monitoraggio delle attività commerciali. Con pattuglie a piedi e il supporto di reparti specializzati, i Carabinieri hanno rafforzato il senso di prossimità e di protezione della comunità.
Durante la rete di posti di controllo stradali predisposti a Soverato, Montepaone, Montauro, Stalettì, Davoli e le relative marine, i carabinieri hanno controllato oltre 270 persone e 170 veicoli, sanzionando 15 conducenti per varie infrazioni al Codice della Strada. Sono stati ispezionati anche 11 esercizi pubblici, dimostrando un’attenzione costante al rispetto delle normative.
Tra le operazioni più rilevanti del fine settimana appena trascorso vi è:
• un uomo fermato alla guida e trovato in possesso di un coltello a serramanico occultato sulla sua persona del quale non riusciva a giustificare il motivo del porto;
• un giovane fermato alla guida con un elevato tasso alcolemico (tre volte oltre il limite) accertato mediante l’apparato alcoltest a cui è stata ritirata la patente di guida;
• un uomo è stato identificato a seguito di richiesta di intervento di privati cittadini che lamentavano il disturbo notturno dallo stesso arrecato;
• un uomo è stato rintracciato dopo essersi impossessato del telefono cellulare della sua ex compagna. Lo smartphone recuperato dai militari è stato riconsegnato alla donna.

I controlli sono stati rafforzati anche nei confronti dei soggetti sottoposti a misure restrittive rilevando alcune irregolarità:
• un uomo, sebbene sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, è stato sorpreso fuori dalla propria abitazione senza alcuna autorizzazione;
• un giovane sorvegliato speciale di pubblica sicurezza è stato rintracciato presso un distributore di carburanti e identificato dai militari dell’Arma; era stato segnalato poco prima per aver inseguito e minacciato una coppia di giovani.

In materia di stupefacenti:
• nella zona della movida, un uomo è stato trovato in possesso di molteplici dosi di cocaina pronte per la vendita al dettaglio; i militari lo hanno fermato sequestrandogli la sostanza stupefacente;
• quattro giovani sono stati segnalati alla Prefettura di Catanzaro ai sensi dell’art. 75 DPR 309/90, poiché trovati in possesso di marijuana.