Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MERCOLEDì 19 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Esclusione dal campionato di serie B della Reggina 1914, si muove la procura di Roma ( non solo) contro la federazione gioco calcio? Ai politici e tifosi reggini , contemporaneamente preparare una class action a difesa della onorabilità di una intera Regione e provincia, massacrata da decisioni assurde, fuori da ogni dettato democratico

Esclusione dal campionato di serie B della Reggina 1914, si muove la procura di Roma ( non solo) contro la federazione gioco calcio? Ai politici e tifosi reggini , contemporaneamente preparare una class action a difesa della onorabilità di una intera Regione e provincia, massacrata da decisioni assurde, fuori da ogni dettato democratico

Esclusione dal campionato di serie B della Reggina 1914, si muove la procura di Roma (non solo) contro la federazione gioco calcio?
Sono enormi i rumori di sciabola che provengono dalla Procura di Roma (non solo), nella gestione della mancata iscrizione al campionato di serie B della reggina 1914 ?. Noi in questi mesi l’abbiamo detto in tutte le salse , escludere gli amaranto dal campionato professionistico è stato un abuso di potere enorme al limite del rispetto delle leggi dello Stato italiano. Tutti erano a conoscenza che la sentenza di primo grado non era modulabile. Insomma era definitiva la sentenza di primo grado del tribunale di Reggio Calabria. Poi la decisione di iscrivere la Sampdoria al campionato cadetto sa di beffa ed arroganza del potere. Adesso un Paese serio verifichi in tutte le sue sfumature se ci sono state , a tutti i livelli, interessi per eliminare Saladini e la Reggina 1914 dalla serie B. Tutto nella vita si rimedia ( tranne la morte), ma uno Stato serio deve ritornare il maltolto ai reggini iscrivendo gli amaranto nel campionato professionistico. Ai politici e tifosi reggini , contemporaneamente preparare una class action a difesa della onorabilità di una intera Regione e provincia, massacrata da decisioni assurde, fuori da ogni dettato democratico.