Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), LUNEDì 15 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Elezioni provinciali di Crotone, Cannizzaro (FI), “Grande risultato, frutto di lavoro e credibilità” Hanno scelto le liste del Presidente Sergio Ferrari 170 grandi elettori su 325, vale a dire oltre il 52%

Elezioni provinciali di Crotone, Cannizzaro (FI), “Grande risultato, frutto di lavoro e credibilità” Hanno scelto le liste del Presidente Sergio Ferrari 170 grandi elettori su 325, vale a dire oltre il 52%

“Hanno scelto le liste del Presidente Sergio Ferrari 170 grandi elettori su 325, vale a dire oltre il 52%. È un risultato molto eloquente quello che è derivato dal rinnovo del Consiglio Provinciale di Crotone, per cui ieri, sabato 3 febbraio, si sono recati alle urne il 95% degli aventi diritto. Questo risultato così netto è motivo di grande soddisfazione per tutti, perché evidenzia due aspetti in particolare: il riconoscimento diffuso dell’ottimo lavoro di questi primi due anni di Amministrazione Ferrari; e l’importanza di vivere il territorio, conoscerne le esigenze, affrontarle cercando di assecondarne le istanze e le legittime aspettative. Crotone e l’intera sua Provincia hanno saputo riconoscere tutto ciò e hanno ricambiato riponendo ancora una volta la fiducia nel lavoro e nel gruppo del Sindaco e Presidente della Provincia.”
A dirlo è il Coordinatore regionale della Calabria e Vice Capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, Francesco Cannizzaro, commentando il risultato elettorale di Crotone.
“Sebbene si tratti di elezioni ‘di secondo livello’, il risultato è inequivocabile. A Ferrari abbiamo sempre riconosciuto doti e capacità di ottimo amministratore, ancora prima che politiche. Pertanto, Forza Italia a Crotone e nel relativo territorio provinciale sa di poter contare su amministratori validi, espressione credibile delle rispettive comunità. A Sergio ed a tutta la sua squadra i migliori auguri di buon lavoro ed i complimenti per l’eccellente risultato, frutto di un lavoro che non poteva non esser riconosciuto.”