Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 16 OTTOBRE 2021

Torna su

Torna su

Notizie Popolari

 
 

Elezioni, in Calabria matite copiative “cancellabili”. Nesci, Gravi violenze, risposta è voto libero La denuncia arriva dalla senatrice Granato che si rivolge ai Prefetti per garantire la trasparenza delle operazioni elettorali

Elezioni, in Calabria matite copiative “cancellabili”. Nesci, Gravi violenze, risposta è voto libero La denuncia arriva dalla senatrice Granato che si rivolge ai Prefetti per garantire la trasparenza delle operazioni elettorali

È partita una richiesta di accertamento sulle matite utilizzate in tutti i seggi elettorali in Calabria. Ad inoltrarla la Senatrice Bianca Laura Granato, che l’ha inoltrata ai Prefetti Calabresi ed alla Legione Carabinieri Calabria: “Ho ricevuto segnalazioni da parte di alcuni cittadini che evidenziano come la matita con la quale stavano votando fosse una normale matita cancellabile. In alcuni casi la circostanza è stata evidenziata al presidente del seggio”.

La senatrice Granato chiede un pronto intervento da parte delle Autorità preposte ed una verifica su tutti i seggi Calabresi”. Il tutto a garanzia della trasparenza e della correttezza delle operazioni elettorali.

DALILA NESCI

“Il voto rappresenta il più importante atto di democrazia che possiamo compiere. È una conquista che non va mai data per scontata, ma al contrario esercitata costantemente per rendere migliore la nostra società. In queste ore abbiamo assistito a episodi gravissimi da parte di chi vorrebbe ostacolare con la violenza la nostra libertà. Condanniamo fermamente quanto accaduto ed esprimiamo piena solidarietà agli esponenti coinvolti. Le intimidazioni non ci fermeranno. Alle minacce e alle aggressioni dobbiamo rispondere con la consapevolezza di essere chiamati a difendere sempre la nostra democrazia. Il voto è un diritto inviolabile e al contempo un dovere civico. Buon voto a tutti”. Lo scrive la Sottosegretaria al Sud e alla coesione territoriale Dalila Nesci.