Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 15 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

“Dai commissariamenti tagli lineari alla sanità calabrese” Lo dichiara il governatore della Regione, Mario Oliverio

“Dai commissariamenti tagli lineari alla sanità calabrese” Lo dichiara il governatore della Regione, Mario Oliverio
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“La Calabria è commissariata dal 2010, si pensava di mettere ordine nella sanità, nel senso di sanare i debiti e riorganizzare i servizi sanitari. A distanza di nove anni la sanità non solo non è stata ordinata ma è stata disastrata perché sono stati depotenziati i servizi sui territori, chiusi o svuotati gli ospedali e contestualmente non sono stati fatti investimenti per potenziare i servizi. San Giovanni in Fiore, ma non solo, docet”. A dirlo il presidente della Regione Mario Oliverio nel corso di un incontro a San Giovanni in Fiore. “Mi sono battuto con gli ultimi Governi – ha aggiunto – per superare i commissariamenti. Chiedevo responsabilità perché vedevo, e vedo ancora, che piuttosto che avviare progetti di riorganizzazione dei servizi si è avviato un processo di taglio lineare dei servizi stessi che è una cosa diversa. Per andare fuori regione per la cura della salute paghiamo 320 milioni di euro all’anno: il 2010, quando il commissario ancora non c’era, ne pagavamo 200. E’ evidente che il commissariamento ha fallito, e io continuo a battermi”.

Oliverio ha fatto ancora riferimento al decreto dell’ex ministro Grillo, presentato come un decreto per salvare la Calabria ma risoltosi, ha detto, “in un disastro” e concludendo: “Ho chiesto al nuovo ministro, e c’è stato un incontro urgente per chiedere lo sblocco delle assunzioni, la stabilizzazione dei lavoratori precari, Oss, infermieri, medici, ancora, per affrontare i problemi dei servizi degli ospedali territoriali e degli ospedali di montagna, che devono essere devono essere potenziati. La sanità è un punto dolente e dietro c’è la sofferenza dei territori. Anche di questo è fatto lo spopolamento, che può essere contrastato, oltre che dalla presenza di una serie di servizi, come scuole considerate e trattate non allo stesso modo di quelle di una metropoli, anche da un servizio sanitario efficiente”.