Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

Consorzio Scilla in liquidazione: ecco i chiarimenti di Fabrizio Smorto

Consorzio Scilla in liquidazione: ecco i chiarimenti di Fabrizio Smorto

“L’ente bilaterale che rappresento ha svolto il proprio lavoro nella massima trasparenza”

Consorzio Scilla in liquidazione: ecco i chiarimenti di Fabrizio Smorto 

“L’ente bilaterale che rappresento ha svolto il proprio lavoro nella massima trasparenza”

 

 

REGGIO CALABRIA – Pur comprendendo a drammaticità della situazione che vivono le maestranze del Consorzio Scilla in liquidazione, a cui va tutta la mia solidarietà, mi corre l’obbligo di fornire alcuni dati circa l’attività svolta da questo Ente, in relazione alla formazione svolta per i lavoratori cassintegrati. Premetto che, negli scorsi giorni, ho incontrato più volte una delegazione dei lavoratori che chiedevano notizie sulle attestazioni delle attività svolte, fornendo tutte le rassicurazioni e le informazioni  sui criteri di rilascio di detta documentazione. Nessuno di loro in questi incontri ha lamentato, se non in termini marginali l’impossibilità di partecipare a tali attività, tra l’altro propedeutiche, in base all’accordo sindacale, per la concessione del 2° anno di CIGS. Passiamo ai dati, i lavoratori formati con percorsi modulari sono stati 211 di cui 201 operai e 10 impiegati. I moduli formativi sono stati 81 a cui hanno partecipato 1402 allievi, mentre le ore corso (docenza) erogate sono state 2.128. Infatti ciascuno dei lavoratori ha partecipato a più moduli, da loro scelti dopo colloqui di gruppo ed individuali con psicologi del lavoro, al cui termine è stato realizzato un bilancio delle competenze per singolo lavoratore. Quanto dichiarato è stato attestato dai competenti organi di vigilanza in data 17/03/2010, che hanno accertato la regolarità formale e sostanziale dell’attività formativa, con verbale ispettivo n. 51-66. Relativamente al rilievo mosso dai lavoratori circa la mancata erogazione del 80% dell’attività formativa ritengo necessario fornire i dati reali della stessa. Relativamente ai rilievi mossi dai lavoratori non sono stati portati a termine: Un modulo pratico della durata di 32 ore a cui avrebbero dovuto partecipare 15 lavoratori, causa indisponibilità del sito indicatoci dal Consorzio Scilla ( il subappaltatore Pivato che doveva ospitare i lavoratori ha rescisso il contratto con la committenza) Un modulo della durata di 32 ore a cui avevano aderito 15 partecipanti avente come oggetto la conduzione di gru a torre. Detto modulo non è stato realizzato perché l’attività formativa in parte finanziata da un fondo interprofessionale doveva concludersi entro i primi di settembre. Tuttavia, nei colloqui intercorsi con i lavoratori è stato assicurato che detta attività sarà svolta nel corso dell’anno 2011 gratuitamente dall’ente di formazione. Risulta, pertanto, totalmente falso, quanto dichiarato nella nota del 01/02/11. Infatti,  indipendentemente dalle cause e dalla possibilità fornita ai lavoratori di effettuare parte dei moduli mancanti, al momento in rapporto al numero dei partecipanti solo il 15,17% non ha completato l’iter formativo che aveva scelto. La percentuale si riduce al 3,01% delle ore corso effettuate ed al 2,29% in rapporto agli allievi partecipanti agli 82 moduli. A completamento delle informazioni, Vi comunico che, proprio per i risultati ottenuti all’interno dei percorsi, il progetto, al termine di un Seminario nazionale, tenutosi a Reggio Calabria, lo scorso 11/11/2010, è stato inserito tra le buone prassi della rete Formedil nazionale. A conclusione, credo che, trattandosi di un gesto di strumentalizzazione gravemente lesivo dell’immagine dell’Ente Bilaterale, delle professionalità presenti nella struttura da me diretta, e degli sforzi posti i essere per garantire i soddisfacenti risultati ottenuti, valuteremo la possibilità di adire alle vie legali per tutelare l’E.S.E.F.S.

Il Direttore

Fabrizio Smorto