Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MERCOLEDì 19 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Cambio ai vertici delle società collegate alla Regione Per come annunciato da Oliverio la prossima settimana la giunta regionale dovrebbe dare il via a una vera e propria rivoluzione interna ed esterna al "palazzo". E si pensa alla creazione di un comitato giuridico

Cambio ai vertici delle società collegate alla Regione Per come annunciato da Oliverio la prossima settimana la giunta regionale dovrebbe dare il via a una vera e propria rivoluzione interna ed esterna al "palazzo". E si pensa alla creazione di un comitato giuridico
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Cambio ai vertici degli enti collegati alla Regione e riduzione dei dipartimenti. Nella prossima settimana la Giunta regionale, ancora scossa dai casi Lanzetta e De Gaetano procederà ad una vera e propria rivoluzione. A iniziare dall’organizzazione interna al Palazzo. Diversi dipartimenti regionali saranno accorpati per materie funzionali: Lavoro e Attività produttive; Ambiente, Urbanistica e Territorio; Personale, Patrimonio e Bilancio; Beni Culturali e Turismo; Agricoltura e Foreste. Dipartimenti per i quali è previsto comunque un cambio al vertice. Finora gli unici che si sono dimessi, raccogliendo l’invito del presidente Oliverio, sono stati Pasquale Monea (Attività Produttive) e Pasquale Anastasi (Turismo)

Prevista anche la nomina di un comitato giuridico che supporterà la burocrazia della quale faranno parte docenti universitari e amministrativisti. Per quanto riguarda gli enti regionali in arrivo la revoca delle nomine della Stasi lo scorso agosto: il presidente di Fincalabra Luca Mannarino, di Calabria Etica Pasqualino Ruberto, di Fondazione Terina Pasqualino Scaramuzzino, della Film commission Ivan Nasso e il rappresentante della Regione in Locride Sviluppo. Tutte queste società saranno commissariate. E lo stesso destino coglierà Calabria Lavoro (al commissario Pasquale Melissari sono stata già fatte delle contestazioni) e Fondazione Field.

La riorganizzazione non trascurerà neppure Calabria Verde e Arsac mentre secondo Oliverio entro due mesi si procederà alle liquidazioni dell’Afor e dell’Arssa.