Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), DOMENICA 23 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Calabresi in B: primo bilancio sul campionato di Catanzaro e Cosenza Due storie diverse, ma le stesse ambizioni, impressionando in questo inizio di campionato di Serie B per continuità nei risultati e solidità di squadra

Calabresi in B: primo bilancio sul campionato di Catanzaro e Cosenza Due storie diverse, ma le stesse ambizioni, impressionando in questo inizio di campionato di Serie B per continuità nei risultati e solidità di squadra

Due storie diverse, ma le stesse ambizioni, impressionando in questo inizio di campionato di Serie B per continuità nei risultati e solidità di squadra. Catanzaro e Cosenza hanno vissuto due campionati molto differenti lo scorso anno. La prima che ha stradominato il Girone C di Serie C, piazzandosi con Vincenzo Vivarini in panchina primo per buona parte della stagione, inserendo la quarta a metà percorso senza mai mollare un solo punto. Il Cosenza ha invece patito un’annata negativa con poche gioie, molte delusioni sul campo e una salvezza strappata ai playout contro il Brescia. Ma l’estate ha portato consiglio e forza ed entrambe le calabresi si stanno già dimostrando le outsider del campionato, inseguendo le posizioni nobili della classifica con la speranza di un finale di stagione che possa regalare una gioia a entrambe le rose. Soprattutto la squadra di Vivarini ha tutte le caratteristiche per fare bene. Infatti il Catanzaro non è certamente considerato oggi una squadra in corsa per il primato nel campionato cadetto ma i media e le quote dei bookmaker sulla Serie B lo indicano certamente come una di quelle formazioni che può giocarsi le sue chance di accesso ai play-off. Con tutte le carte in regola per lottare nella colonna di sinistra della classifica.

Catanzaro

La scorsa stagione ha visto la vittoria netta del Catanzaro nel Girone C di Serie C. Una cavalcata imponente che alla fine ha visto la squadra di Vivarini vincere grazie a 30 vittorie in 38 partita, sei pareggi e sole due sconfitte e il punteggio di 96 punti. Una vittoria condita dal numero record di gol fatti, 102, a fronte di sole 21 reti subite. Un dominio assoluto che si è trascinato anche in questo inizio di stagione, piazzandosi a ridosso delle prime posizioni utili per un posto nei playoff. Sebbene un solo quarto di campionato sia poco per inquadrare gli equilibri tra le squadre, i calabresi hanno però lecitamente tutto il diritto di inseguire la storia portando le proprie ambizioni a un livello che superi quello della mera permanenza in categoria. D’altronde nove undicesimi della formazione titolare sono gli stessi che hanno permesso la vittoria di categoria dello scorso anno. Il campionato è lungo, questo è vero ma la storia della neopromossa Bari nella scorsa stagione insegna che una squadra compatta e in fiducia può sorprendere tutti e ambire a qualcosa di grande.

Cosenza

Per il Cosenza la storia è un po’ diversa. La stagione scorsa è culminata con la sfida salvezza contro il Brescia. Gara vinta con non pochi patemi ma la formazione allenata da Fabio Caserta deve dimostrare che quella appena trascorsa è stata solo un’annata storta. E le prime dieci gare del campionato stanno dalla parte dei silani, è vero nel gruppone di metà classifica ma con un cammino che sta al passo con le migliori del campionato. E questo grazie anche a una rosa rinnovata dai nomi di gente di categoria come Francesco Forte, Luigi Canotto, Filippo Sgarbi e Mattia Viviani. Un cambio di rotta che apre ad ambizioni ben diverse rispetto a quelle dell’ultima annata, con il desiderio di agganciare il treno delle più forti della categoria e tentare di raggiungere i playoff e giocarsi almeno una chance per la promozione nella massima categoria.