Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 28 MAGGIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Bianchi chiede a Delrio tavolo su aeroporti calabresi Il sottosegretario sull'aeroporto di Crotone: "Necessario un intervento chiaro, netto e deciso"

Bianchi chiede a Delrio tavolo su aeroporti calabresi Il sottosegretario sull'aeroporto di Crotone: "Necessario un intervento chiaro, netto e deciso"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Il sottosegretario al Turismo, Dorina Bianchi ha inviato una lettera ufficiale al Ministro Delrio nella quale rinnova l’invito ad intervenire celermente sulla questione aeroportuale della Calabria, in particolare sulla situazione dell’Aeroporto di Crotone è necessario un intervento “chiaro, netto e deciso”.

Il sottosegretario nella lettera chiede “di istituire con estrema urgenza un Tavolo Permanente per affrontare le problematiche aeroportuali della Calabria e, in particolare, il rilancio dell’Aeroporto di Crotone, per il quale da tempo rimangono irrisolte questioni vitali, quali oneri di servizio, torre di controllo a carico di Enav, omologazione ILS etc” con la partecipazione di tutte la parti interessate”.

Per il sottosegretario “la presenza del Ministro Delrio il 17 maggio 2017 a Catanzaro in occasione dell’incontro sulla nuova ferrovia ionica e la contestuale presenza del Presidente della Regione Oliverio potrà essere l’occasione per l’avvio di un confronto e di un dialogo proficuo per avviare il tavolo”.

Nella lettera il sottosegretario ha evidenziato come “il territorio crotonese paga un isolamento infrastrutturale che deve essere superato perché rappresenta un danno per il rilancio del turismo per tutta la fascia ionica, per la Regione intera e per il Mezzogiorno”. E pertanto, aggiunge, che “è importante avviare un’operatività dello scalo di Crotone, come era auspicabile a seguito dell’aggiudicazione del bando di gara, in merito al quale, peraltro, io ed il territorio crotonese tutto, abbiamo necessità di conoscere se da parte di Sacal si è verificato il puntuale adempimento degli obblighi documentali nei tempi previsti”. E conclude affermando “la necessità della salvaguardia dei livelli occupazionali e delle professionalità e la riapertura dello scalo prima dell’avvio della stagione estiva”.