Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), MARTEDì 27 FEBBRAIO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Al planetario Pythagoras si parla di “Scienza e democrazia”

Grazie per aver letto questo contenuto, continua a seguirci!!

Domani alle 21 con il docente dell’università di Catanzaro Tullio Barni 

Al planetario Pythagoras si parla di “Scienza e democrazia”

Domani alle 21 con il docente dell’università di Catanzaro Tullio Barni 

 

 

È da tempo aperto nel nostro Paese, e non solo, il confronto sul rapporto tra Scienza e Democrazia. Il dibattito su questo delicato argomento coinvolge ricercatori, giuristi, teologi, filosofi, storici, economisti. Le domande poste al centro della discussione sono moltissime e tra queste: qual è il rapporto tra vita democratica e scienza? Qual è il rapporto tra etica e scienza?

Come devono essere gestite le risorse per la ricerca scientifica in una democrazia attenta ai bisogni delle persone e alle istanze di giustizia? Come possono i cittadini contribuire democraticamente e costruttivamente alle scelte collettive sulla ricerca? Quali sono i limiti etici della ricerca scientifica in una società democratica? E qual è il rapporto tra scienza e libertà di pensiero? Se la scienza è un bene pubblico, come devono rapportarsi i cittadini e i governi democratici nei confronti di quelle istituzioni e di quei fattori che rendono possibile la ricerca scientifica? Come possono gli scienziati contribuire al bene della comunità e al funzionamento di una società democratica?

La scienza come metodologia di conoscenza della realtà e la democrazia intesa come particolare metodo di organizzare le relazioni sociali non sono affatto naturali. La loro natura, come è stato detto, è innaturale. Sono un prodotto delle capacità manipolative e di articolazione del pensiero complesso, selezionate nel tempo lungo l’evoluzione, e che oggi delineano quei segni antropologici e psicologici di homo sapiens in continuità con quelle infinite forme bellissime di cui Darwin catturò il segreto. Secondo il pensiero di alcuni, scienza e democrazia si sono contaminate vicendevolmente (tolleranza, pari dignità, meritocrazia, competenza etc…) e dunque quando ci scagliamo contro la scienza, inconsapevolmente o meno, uccidiamo anche la democrazia. Questi i punti di riflessioni che il prof. Barni porrà al centro della sua conversazione domani alle ore 21 al Planetario.

Sono molti i fronti di riflessione aperti dalla critica allo scientismo, partita dall’intervento di Capanna, al rapporto scienza-etica, dalla partecipazione dei cittadini al primato della politica nelle scelte che riguardano scienza e tecnica, alla necessità di incrementare la ricerca scientifica pubblica.

Al centro del confronto c’è la necessità di democratizzare la scienza e promuovere la partecipazione dei cittadini e dei consumatori alle scelte sull’innovazione, soprattutto in quegli ambiti – alimentazione, salute, energie, ecc. – che li riguardano più da vicino.

redazione@approdonews.it