Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 20 APRILE 2024

Torna su

Torna su

 
 

“Terzo Megalotto S.S.106 penalizza asset sviluppo” Lo dichiara Coldiretti Calabria

“Terzo Megalotto S.S.106 penalizza asset sviluppo” Lo dichiara Coldiretti Calabria
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Il 3° Megalotto della S.S.106 Jonica che prevede l’ammodernamento del tratto da Roseto Capo Spulico a Sibari per circa 37 km è certamente un’opera pubblica strategica ed importante non solo per rendere più sicura la viabilità in Calabria ma perché rafforza la connessione a Sud lungo il corridoio adriatico – jonico -tirrenico. Le Risorse pubbliche impegnate, un miliardo e duecentotrentaquattro milioni di euro, ci danno la ragionevole certezza che l’opera finalmente si potrà realizzare è pertanto sarebbe un’occasione persa per tutta l’area dell’Alto Jonio ed imperdonabile per tutti non inserire anche l’ammodernamento della viabilità interna, per bloccare lo spopolamento e l’abbandono di una vasta ed importante area rurale e di immenso valore paesaggistico ed ambientale.

Pur manifestando quindi apprezzamento per la validità dell’opera la Coldiretti Calabria, pone una serie di interrogativi e rilievi, “La superficie vincolata, è di circa 250 ettari occupati dall’opera e 300 ettari di fascia di rispetto è prevalentemente suolo agricolo e si caratterizza per il Paesaggio Agrario unico ed irripetibile, Zona di Protezione Speciale e Sito Natura 2000; una serie di condizioni – prosegue il presidente dell’organizzazione Molinaro – evidenziate anche nelle prescrizioni imposte dai Ministeri della Tutela Ambientale e dei Beni Culturali come condizione per l’approvazione del Progetto.

La progettazione definitiva – rileva – non è stata concordata con tutti gli Enti Locali interessati e non condivisa con tutti i soggetti portatori di interessi socio-economico; un aspetto rilevante, – spiega- considerato che quest’opera deve contribuire a far crescere l’area interessata senza compromettere gli asset naturali (agricoltura di qualità e turismo diffuso) e quindi garantendo uno sviluppo sostenibile e durevole. Riteniamo indispensabile che tutti i soggetti Istituzionali colmino questo deficit di democrazia partecipata, e porre al centro l’interesse generale di un territorio che deve essere facilitato e non deturpato e sfregiato.

Infatti, per almeno due terzi dei complessivi 39 km previsti dal progetto – – illustra Molinaro – può essere utilizzato l’esistente tracciato per questo chiediamo a tutti i soggetti istituzionali, Ministero alle Infrastrutture, Anas e Regione Calabria, di intervenire per evitare contenziosi legali, peraltro già avviati. Sprecare risorse pubbliche e non destinare una parte delle stesse, alla viabilità delle aree interne per non condannarle all’abbandono e alla fuga dei giovani, con un crescendo pericolo anche idrogeologico a danno dei cittadini del litorale è una soluzione ottimale.

In ultimo chiediamo – va avanti – a tutte le Autorità la verifica delle prescrizioni imposte, dai Ministeri competenti, nell’approvazione del Progetto sotto l’aspetto dell’Impatto Ambientale e Paesaggistico ed alla Regione Calabria di verificare il rischio di spreco di risorse pubbliche e di ricordare e far rispettatre la norma regionale n. 28/2016 (art. 13 comma 1) di modifica e integrazione della L.R. 19/2002 (Legge Urbanistica) con la quale, si intende promuovere e tutelare il paesaggio, l’ambiente e l’attività agricola ritenendo il suolo quale bene comune e risorsa non rinnovabile che esplica funzioni e produce servizi e prevede appunto “consumo di suolo zero”.