Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

TAURIANOVA (RC), SABATO 22 GIUGNO 2024

Torna su

Torna su

 
 

Tensioni tra Garanti dell’Infanzia, interviene Sapia (M5S) Il deputato ha chiesto l'intervento dei presidenti di Camera e Senato

Tensioni tra Garanti dell’Infanzia, interviene Sapia (M5S) Il deputato ha chiesto l'intervento dei presidenti di Camera e Senato
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

«Per superare le persistenti divergenze tra Garante nazionale e Garanti regionali dell’Infanzia, ritengo essenziale un chiarimento definitivo che riporti al centro delle istituzioni di competenza il tema della concreta tutela dei minori che vivono in Italia. A riguardo sollecito un intervento urgente dei presidenti di Camera e Senato, in cui confido, in quanto la frattura in atto può rivelarsi molto dannosa». Lo afferma, in una nota, il deputato M5S Francesco Sapia, della commissione Affari sociali, che aggiunge: «Da tre anni, in Conferenza nazionale dei Garanti non si affrontano questioni delicate e prioritarie, per esempio l’assistenza sanitaria dei più piccoli, soprattutto in territori disagiati come la Calabria e la Campania. Le ragioni andranno spiegate anche alla commissione bicamerale per l’Infanzia e l’Adolescenza, cui chiedo di attivarsi da subito. Inoltre – prosegue il deputato del Movimento 5 Stelle – occorrerà chiarire al più presto perché, in merito al progetto Fami, che riguarda i tutori per i minori stranieri non accompagnati e che risulta finanziato con fondi europei attraverso il ministero dell’Interno, i Garanti regionali debbano, come lamentano da tempo, essere messi in secondo piano rispetto alla spesa delle risorse e alla gestione delle iniziative correlate». «Nell’esclusivo interesse dei minori – conclude Sapia – andrò avanti sino in fondo, consapevole che se esistono i Garanti regionali, che per mia diretta esperienza operano con scrupolo e attenzione, essi non possono essere ignorati o relegati a un ruolo del tutto marginale. Se necessario, interesserò anche il presidente della Repubblica e presenterò una proposta di legge per migliorare il coordinamento tra i vari Garanti, ad evitare ulteriori contrapposizioni e scontri istituzionali, che non consentono di accompagnare al meglio la crescita dei bambini e degli adolescenti».